Margherita Vicario – Giornate della Creatività e dell’Innovazione 2012

Conosciamo più da vicino i protagonisti di questo evento: oggi parliamo di Margherita Vicario

Le Giornate della Creatività e dell’Innovazione sono “una due giorni” di eventi, convegni ed esposizioni, un luogo di incontro e confronto per gli attori della creatività e dell’innovazione che operano nell’area metropolitana. Un momento per conoscere quello che sta succedendo, chi si sta distinguendo, quali sono le direzioni intraprese.

Continuiamo la carrellata di personaggi che presenzieranno durante l’evento. Oggi conosciamo Margherita Vicario.

Margherita Vicario è nata a Roma nel 1988.

Laureata presso la Link Academy – University of Malta in Performing Arts con 110 e lode, sceglie come argomento della tesi di laurea “Bertolt Brecht e la sua innovazione teatrale attraverso l’uso che fa della musica”. Inizia a lavorare come attrice soprattutto per fiction e film per la televisione (La ladra, R.I.S., Sei passi nel giallo, Benvenuti a tavola, A un passo dal cielo). Ha recitato in spettacoli teatrali, cortometraggi, videoclip, opere prime e nell’ultimo film di Woody Allen (To Rome with love).

Per quanto riguarda la musica, lavora come paroliere, compositrice e interprete di diverse canzoni per serie televisive  (Piper , Che Dio ci aiuti, I Liceali)  e cinema (Immaturi, Studio Illegale) affiancando musicisti come Stefano Cenci, Andrea Guerra, Francesco Cerasi.
Nel 2009 entra a far parte del gruppo romano “Marcello e il mio amico Tommaso”, dove suona la batteria e canta. Nell’edizione 2011 del 48hourFilmProject, vince i premi per Miglior Film, Miglior Attrice Protagonista e Migliori Musiche Originali con ‘Se riesco parto’, un cortometraggio -genere Musical- da lei scritto e diretto. Ha portato in scena nel febbraio 2012, il suo primo spettacolo di teatro canzone, ‘Lem Lem’ da lei scritto e diretto, all’interno della rassegna LET-Liberi Esperimenti Teatrali.

Leggi le altre biografie pubblicate:

Ilaria Gianni – Giornate della Creatività e dell’Innovazione 2012

Conosciamo più da vicino i protagonisti di questo evento: oggi parliamo di Ilaria Gianni

Le Giornate della Creatività e dell’Innovazione sono “una due giorni” di eventi, convegni ed esposizioni, un luogo di incontro e confronto per gli attori della creatività e dell’innovazione che operano nell’area metropolitana. Un momento per conoscere quello che sta succedendo, chi si sta distinguendo, quali sono le direzioni intraprese.

Iniziamo a conoscere gli ospiti che saranno presenti durante l’evento.
Dopo Caterina Gatta, Carlo Ratti, Fabio Gallia e Giorgio Zanchini, conosciamo meglio Ilaria Gianni.

Ilaria Gianni è curatrice e critica d’arte. Dopo essersi laureata in Storia dell’Arte, presso la Facoltà di Scienze Umanistiche dell’Università di Roma “La Sapienza”, ha ottenuto un MFA in Curating presso “Goldsmiths”, University of London.

Attualmente è co-direttore artistico della Nomas Foundation di Roma, dove ha curato le mostre personali di Else Leirvik, Nina Beier e Marie Lund, Etienne Chambaud, Michael Dean, Roslaind Nashashibi, oltre alle rassegne A Painting Cycle (Jessica Warboys, Julia Schmidt, Christopher Orr, Agnieszka Brzezanska, Luca Bertolo); A Film Cycle (Duncan Campbell, Anja Kirschner & David Panos, Renzo Martens, Deimantas Narkevicius, Hito Steyerl); A Performance Cycle (Ryan Gander, Pierre Leguillon, Tris Vonna-Michell, Patrizio Di Massimo). Nel 2008 ha co-fondato la casa editrice IM press, Londra/Roma e dal 2009 è associate del collettivo Art At Work. E’ Adjunct Assistant Professor of Art presso la John Cabot University di Roma e docente del Master of Art della Luiss Guido Carli di Roma.

Ha curato diverse mostre personali e collettive, tra cui Re-generation (Roma, 2012); Roommates/Coinquilini, MACRO (Roma, 2010); Voices from Silence, Galerie Opdhal (Berlino, 2010); Desiring Necessities, John Hansard Gallery, University of Southampton (Southampton, 2009); Fragile Currency, Klemm’s Galerie (Berlino, 2009); Flux Capacitor, Extraspazio (Roma, 2008, co-curata con Isobel Harbison); Behind, Galleria Monitor (Roma, 2008); Here Once again. Where Art and Cinema Interact, MOA e Loop Gallery (Seoul, 2008, co-curata con Hyunjoo Byeon and Jungmin Kwon); I desired what you were, I need what you are, Maze Gallery (Torino, 2008), e Step in Step out, Fondazione Adriano Olivetti (Rome, 2006/2007).

Ha inoltre coordinato mostre e conferenze per musei e contribuito con testi a vari cataloghi d’arte. Suoi scritti appaiono su riviste, quali Artforum, NERO, Lo Specchio+, Circa, Flash Art, Arte e Critica.

Gian Paolo Manzella – Giornate della Creatività e dell’Innovazione 2012

Conosciamo più da vicino i protagonisti di questo evento: oggi parliamo di Gian Paolo Manzella

Le Giornate della Creatività e dell’Innovazione sono “una due giorni” di eventi, convegni ed esposizioni, un luogo di incontro e confronto per gli attori della creatività e dell’innovazione che operano nell’area metropolitana. Un momento per conoscere quello che sta succedendo, chi si sta distinguendo, quali sono le direzioni intraprese.

Continuiamo la carrellata di personaggi che presenzieranno durante l’evento.

Dopo Caterina Gatta, Carlo Ratti, Fabio Gallia, Giorgio Zanchini e Ilaria Gianni, conosciamo meglio Gian Paolo Manzella.

Funzionario della Banca europea per gli investimenti, è attualmente distaccato presso la Provincia di Roma quale Direttore del Dipartimento Innovazione e Impresa e coordinatore dell’Ufficio Europa e Relazioni internazionali.

Laureato in giurisprudenza all’Università Roma La Sapienza, ha conseguito nel 1992 un master in International Relations alla Yale University. Ha lavorato presso la Banca Commerciale Italiana (1989-1990) e l’Autorità garante della concorrenza e del mercato (1992-1993). Dal 1994 è funzionario della Banca Europea per gli investimenti. Nel corso degli anni ha lavorato quale esperto presso la Corte di Giustizia dell’Unione Europea, il Ministero del Tesoro, la Vicepresidenza del Consiglio.

Dal 2007, in vista dell’Anno europeo della creatività e dell’innovazione, ha cominciato a seguire il tema delle industrie creative: ha fatto parte, nel 2008, della Commissione Santagata istituita presso il Ministero dei beni culturali ed ha contribuito alla realizzazione del Libro Bianco della Creatività.
Nel corso dei suoi quattro anni presso la Provincia di Roma ha avviato i programmi RomaProvinciaCreativa, focalizzato sulle industrie creative, e Officina dell’Innovazione, diretto a promuovere il dialogo tra piccole e medie imprese e mondo della ricerca. Ha promosso la partecipazione dell’amministrazione ai progetti europei focalizzandola sui temi quali imprese creative, smart cities e nuove tecnologie applicate ai servizi pubblici, sviluppo sostenibile, inclusione sociale. Ha organizzato iniziative ed eventi di informazione e diffusione della cultura, delle politiche e dei valori europei, in particolare per le amministrazioni locali e per le scuole.

È autore di numerose pubblicazioni in materia di diritto dell’economia su riviste specializzate. Nel 2011 ha pubblicato il volume “Una politica influente: Vicende, dinamiche e prospettive dell’intervento regionale europeo” (Svimez-Il Mulino).

EXTRA LARGE L’appuntamento della Provincia di Roma a Casaidea, fino al 18 marzo

L’appuntamento organizzato dalla Provincia di Roma tra le proposte di Casaidea, la mostra dell’abitare, fino al 18 marzo alla Fiera di Roma

Torna l’appuntamento con Casaidea dal 10 al 18 marzo alla Fiera di Roma. Questa 38^ edizione della mostra dell’abitare ospita all’interno di un ricco programma di incontri il Festival del Progetto, all’interno del quale viene dato spazio ad iniziative ispirate alla creatività, alla cultura dell’abitare, all’innovazione, come “Extra Large, mobili e oggetti fuori dall’ordinario” un evento promosso dalla Provincia di Roma, Dipartimento XII “Innovazione e Impresa”, a cura dell’architetto Patrizia di Costanzo.

“Sproporzionati, disegnati per stupire, mobili con dimensioni esagerate, quasi dei fuori luogo, ma senz’altro oggetti che attraggono empaticamente e che nella loro deformità, nella loro forma esagerata possono dare luogo ad un nuovo senso e nuovi significati anche funzionali”, così spiega il concept del progetto la curatrice.

“Il desiderio di interpretare nuove prospettive ed esigenze si sfoga nell’utilizzo di forme, colori e materiali originali e a volte stravaganti, che diventano vere e proprie architetture, orologi dalle gambe lunghissime (Covo), panche appendiabiti (Moormann), lampade dai cappelli giganti (Galleria Luisa delle Piane)… L’iPad, l’ultima creazione Apple in ordine di tempo e il suo enorme successo, non è forse l’iPhone affetto da gigantismo?
Cambiano gli spazi che subiscono continue trasformazioni e che debbono modificarsi senza sosta, perché le loro funzioni e le loro esigenze cambiano, così questi pezzi unici tra il prodotto artigianale e l’opera d’arte ci raccontano che iI nostro mondo non è statico; capirne l’evoluzione è una delle sfide che dobbiamo raccogliere…”.

Questo il tema dell’iniziativa che va incontro a un’esigenza di grande attualità che è stata declinata anche in altri settori, tra i più disparati, da quello automobilistico (82° Salone dell’Auto di Ginevra con la nuova versione extra large della 500), agli interventi che si stanno approntando in occasione delle prossime Olimpiadi nel Regno Unito: progetti decisamente extralarge tanto nelle idee quanto nella dimensione”.

Un appuntamento, questo di Extra large, che vede tra i partecipanti designer e architetti del territorio romano come:

FUNARO COSTRUZIONI e ALFA INDUSTRIE ELETTRONICHE, che presentano la lampada “Clip & Clips”.

SOGIMI e TECMA con “Cubik”, un sistema modulare polifunzionale che diventa un elemento urbano capace di svolgere molteplici funzioni codificate dai diversi colori.

Giampietro Preziosa con “Gallina Lampadina”, una lampada da terra per bambini… ma non solo, autoprodotta, che ripercorre il concetto degli origami giapponesi in chiave contemporanea.

CENTRO FAI DA TE – FANTASIE DEL LEGNO – COCCO che presenta lo sgabello contenitivo.

“GUtermann” progettato da Cristina Di Nino.

“Kecil” la seduta progettata e autoprodotta da Gianluca Mariani.

“Microlarge” un progetto di Beatrice Palma e Angelo Pepe.

La poltrona mega gomitolo “Moh” progettato e realizzato da Anna Pietragalla.

Stefano Pagnoni che ha realizzato “Moonlight” – il sogno di poter raggiungere la luce della luna, progettato da Alessia Mastroiacovo.

PUNTODIFUGA che ha realizzato “Pancametro”, la panca che si presenta come un metro da falegname, progettata da Uta Zorzi Mühlmann.

TEKNE che ha realizzato dietro al progetto di NOUMENA architecture di A.Sollazzo e M.Di Sora la lampada parametrica in carta “Papira”.

CODICE-A-BARRE di Alessio Gismondi che presenta il progetto di Filippo Piferi “Punto di vista”.

“Ric(hi)ami” un grande ricamo progettato da Giovanna Zinghi e realizzato da Attilio Scisciani.

“Rocchetto” il portaombrelli dalla forma di un  rocchetto di filo di cotone progettato da Alessandra Apos e Andrea Persano, realizzato da SUPER.LUCE.

“Rose 247” una nuova scenografia della casa dove il design si intreccia alle tecniche artigianali della tradizione, progettato e prodotto da Elena Kihlman.

Walter Di Paola e Fabio Alecci con il progetto autoprodotto “Sassi luminosi”.

“Screw” la piccola libreria progettata da Daniele Mazzocchi e realizzata da Fabrizio Sperandio.

“Specchio delle mie brame” progettato e realizzato da Simona Ceccarelli.

L’appenditutto “Track Mind” progettato da Eileen Greco e realizzato da BIZETA GROUP.

“Urbanlamp” un progetto di Chiara Lorentini realizzato da Maurizio Procaccini.

Il tutto all’interno di un vero e proprio Festival del Progetto che si incentra sulle nuove tendenze del design, della ricerca, della sperimentazione, e della cultura dell’abitare in collaborazione con l’Ordine degli Architetti PPC di Roma e Provincia, “Casa & Design” – La Repubblica.
Ed ospita anche altri momenti di riflessione attraverso esposizioni come:

MAT ’12 – 1^ Rassegna dei materiali innovativi per architettura e design
80 VOGLIA DI CASA, “La casa a colori” 4^ Mostra-Concorso dedicata a progetti d’architettura d’interni
OGGETTI D’USO IN TRAVERTINO ROMANO – “Una pietra antica per il mondo contemporaneo”
OFFICINA DELLE ARTI – “Il Servetto: carrelli, tavolini e piccoli mobili di servizio”
DESIGN IN TAVOLA – “Forme, colori e atmosfere della convivialità”

http://www.casaidea.com/casaidea-2012/la-sezione-eventi/