Il nuovo Auditorium di Acilia

Sono in mostra i 4 progetti finalisti del Concorso Internazionale di Architettura, mentre uno spazio apposito e’ dedicato al Roberto Scarsato, il vincitore.

Dal 2 agosto al 15 settembre il Chiostro del Palazzo del Governatorato (Sede XIII Municipio) ospiterà la mostra “Il nuovo Auditorium di Acilia. Gli esiti del Concorso Internazionale di Architettura” con esposizione delle proposte progettuali del bando del Concorso internazionale di Progettazione del nuovo “Auditorium di Acilia”.

La mostra, promossa da Roma Capitale – Assessorato ai Lavori Pubblici e alle Periferie, dal Dipartimento Politiche per la Riqualificazione delle Periferie e dal Municipio XIII in collaborazione con Zètema Progetto Cultura, verrà inaugurata il 2 agosto alle ore 17 alla presenza del Sindaco Gianni Alemanno e con gli interventi dell’Assessore Fabrizio Ghera, del Presidente del Dipartimento Politiche per la Riqualificazione delle Periferie Francesco Coccia e del Presidente Municipio XIII Giacomo Vizzani.
La serata sarà allietata da un gruppo di musica jazz anni quaranta.

Nell’ambito dei programmi di riqualificazione delle aree periferiche di Roma, nel 2011 il Municipio XIII ha approvato il progetto di realizzazione di un nuovo Auditorium ad Acilia. Dopo aver localizzato la sede nella vasta area verde vicino alla Nuova Stazione della metro Acilia – Dragona, ha indetto un concorso di progettazione a procedura aperta attraverso una Competizione Internazionale di Architettura.

Il percorso della mostra si snoda attraverso pannelli illustrativi dei 4 progetti finalisti, mentre uno spazio apposito sarà dedicato al vincitore del concorso, Roberto Scarsato di Padova che, nel corso della serata inaugurale, illustrerà il suo progetto. A decretarlo vincitore, nel corso della seconda fase del concorso riservata a 4 partecipanti, una Commissione Aggiudicatrice composta da tre Professori dell’Università della Sapienza e di Roma3, oltre al Direttore ed ad un Progettista del Dipartimento Periferie.

Il nuovo Auditorium offrirà uno spazio concerti per circa 700 spettatori, utilizzabile anche per manifestazioni ed eventi culturali di diverso tipo (convegni, spettacoli, ecc.) e servirà il vasto e popoloso quadrante S.O. della città: l’intera periferia verso il mare della Capitale.

Inaugurazione 2 Agosto 2012 ore 17.00

Chiostro del Palazzo del Governatorato ( Sede XIII Municipio)
Piazza della Stazione Vecchia, 26 Ostia lido (Roma)
Orari:
lunedì-mercoledì-venerdì 8.30/13.00
martedì-giovedì 9.00/18.00

Festival del Verde e del Paesaggio

Al Parco Pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma debutta il Festival del Verde e del Paesaggio, il più importante appuntamento vivaistico e paesaggistico in Italia.

Tre giorni da condividere con giardinieri, garden designer, paesaggisti, architetti, vivaisti, artigiani, che metteranno a disposizione del pubblico la loro esperienza, le loro creazioni e  i loro prodotti.

Una passeggiata di oltre 1 km in continuo movimento, tra profumi, colori e varietà di piante. Lungo il percorso il pubblico incontrerà i giovani dell’Accademia di Belle Arti di Roma che realizzano ritratti e busti in argilla in tempi da record, i musicisti dell’Accademia Filarmonica Romana e potrà godere dei video documentari del National Geographic Channel (canale 403 di Sky) sul tema del paesaggio.

Cuore della manifestazione è Giardininterrazza, attenta selezione di vivai, artigiani, designer e aziende di arredamento da esterni, con le Follie d’Autore, opere realizzate da paesaggisti attivi sulla scena nazionale ed internazionale, e gli allestimenti dei Giardini in Balcone, lavori realizzati da neo-laureati in architettura. Novità di quest’anno è la sezione Nuovi Paesaggi, dedicata ai progettisti che offriranno consulenze e soluzioni creative per quanti hanno un giardino, una terrazza, un balcone o anche solo un davanzale da far rivivere.

I visitatori, si rilasseranno sul prato delle Oasi di Fabrica 1923 con meravigliose stuoie, ombrelloni e box menù di cucina mediterranea. Nel corner dedicato alla città di Berlino si potrà sorseggiare l’autentica birra della capitale tedesca.

Parco Pensile dell’Auditorium Parco della Musica
18, 19, 20 maggio 2012
Viale Pietro de Coubertin, Roma
Orario 10.00 – 20.30

Biglietto intero € 10,00
€ 8,00 Fino a 26 anni
Gratuito sotto 12 anni

www.festivaldelverdeedelpaesaggio.it
www.giardininterrazza.com

FESTIVAL DELLE SCIENZE

Dal 19 al 22 gennaio all’Auditorium Parco della Musica di Roma torna la VII edizione dell’appuntamento dedicato alla divulgazione scientifica

Torna con una nuova edizione il Festival delle Scienze all’insegna della ricerca in ambito scientifico e della cultura a cura della direzione artistica di Vittorio del Bo. Il tema monografico di quest’anno dedicato al concetto di Tempo presenta la riflessione di fisici, filosofi, storici e pensatori che farà da trait d’union alle numerose proposte: dalle lectio magistralis con i grandi nomi internazionali della ricerca scientifica, ai dibattiti, passando per mostre e spettacoli. L’obiettivo è di riuscire a coinvolgere un pubblico sempre più vasto ed eterogeneo, puntando molto sulla contaminazione dei generi. Ne nasce, così, un prodotto che, giunto al settimo anno, ha dato ottimi risultati in materia di crescita, incrementando del 20% il numero delle presenze tra il 2010 e il 2011 e portando a un +11% negli incassi per l’Auditorium Parco della Musica.

Quattro giorni di programmazione culturale che vede l’avvicendarsi di illustri presenze: l’astrofisico, scrittore e poeta francese Jean Pierre Luminet inaugura l’apertura del programma di conferenze del festival, il 19 Gennaio; il filosofo Ned Markhosian indagherà le possibilità dei viaggi nel tempo; la giornalista Dava Sobel, l’antropologo Ian Tattersall, la psicologa Lera Boroditsky e molti altri interventi tra cui quelli dei fisici italiani Giovanni Amelino Camelia, definito dal Times come uno dei possibili eredi di Einstein, e Carlo Rovelli.

“Sinfonia del tempo” è la sezione apposita dedicata a installazioni, performance e video. Come VEXATIONS di Erik Satie, l’opera mai prodotta in Italia, proporrà 24 ore di musica perpetua dalle 18 di sabato 21 alle 18 di domenica 22 con oltre 90 pianisti che si alterneranno nel proporre 840 moduli uguali. Ed ancora POÉME SYMPHONIQUE, con il quale GyörgyLigeti propone un’installazione di 100 metronomi che cadenzeranno il tempo creando diverse sinfonie.

Per gli spettacoli serali, il tempo viene reinterpretato da Stefano Benni con il reading musicale Che ore sono e dalla prima italiana di Three Tales di Beryl Korot e Steve Reich. Per continuare con l’opera Hatsu-Yume di Bill Viola e la video-installazione con il collettivo ZimmerFrei e la serie Panorama.

Info: www.auditorium.com