PIU’ LIBRI PIU’ LIBERI

I piccoli e medi editori soffrono nel 2011 rispetto alla media del mercato, lo dicono i dati della NielsenBookScan presentati a Più libri più liberi

E’ terminata la decima edizione di Più libri più liberi, la Fiera nazionale della piccola e media editoria che si è tenuta a Roma dal 7 all’11 dicembre e che ha confermato, anche quest’anno, il successo della scorsa edizione con 56mila visitatori nell’arco delle cinque giornate, oltre 300 iniziative, 900 relatori, 411 editori, 65 appuntamenti pensati per bambini e adolescenti e centinaia di autori e ospiti provenienti dal mondo della cultura, dello sport, dello spettacoli e della società civile.

Durante quest’edizione sono stati presentati i dati della NielsenBookScan sul mercato della piccola e media editoria che dopo anni di crescita rallentano, nel 2011, più del resto del mercato.

Per numero di copie vendute il segno è ancora positivo ma cala l’ombra del segno meno sul settore del libro in questo 2011 (da gennaio a ottobre), confidando nel Natale. A fine ottobre si registra infatti un -0,7% sul totale del mercato (pari a -7,1 milioni di euro di spesa in meno) nei canali trade (librerie tradizionali, catene di librerie, grande distribuzione e internet). Una novità, dopo anni di performance di tutto rispetto per il comparto. Migliorano invece i dati a volume: il numero di copie vendute nello stesso periodo registra infatti un +0,4% complessivo. Nella Grande distribuzione il dato arriva al +1,6%, mentre cresce poco (dello 0,1%) per librerie e online.

Crescono a valore solo il settore ragazzi (+5,7%) e la non fiction pratica (in cui rientrano libri per il tempo libero, libri di cucina, famiglia e benessere) (+4,7%); sostanzialmente stabile la non fiction generale (in cui rientrano testi d’arte, religione, attualità, storia) con un +1,1%. Perde invece un 2,4% la fiction (ma i libri per il Natale sono da poco arrivati in libreria). Resta stabile il peso dei tascabili rispetto all’hardcover.

Crescono solo librerie e internet che registrano un +0,1% e insieme valgono l’83,4% del mercato (nel 2010, nello stesso periodo, erano all’82,8%) mentre perde quota in modo significativo (-4,1%) la Grande distribuzione organizzata (Gdo) che si attesta sul 16,6% (era al 17,2% nel 2010) risentendo della minore capacità di spesa delle famiglie italiane.

I piccoli e medi editori in questo 2011 risentono maggiormente rispetto alla media del mercato della congiuntura meno favorevole perdendo il 4,8% e “valgono” oggi il 12,8% del mercato (escluso la GdO). Riacquistano quindi posizioni i grandi editori, che recuperano lo 0,8% complessivo del mercato a valore a prezzi di copertina. Nel 2010 e nel 2009 sull’analogo periodo, i piccoli, avevano invece mostrato performance diametralmente opposte: + 14,9% (2009 rispetto al 2008) e + 6,2% (2010 rispetto al 2009).

Per i piccoli cresce il settore ragazzi e tiene anche la non fiction pratica. Perdono il 9% nella fiction ma crescono quasi dell’8,7% le vendite (esclusa GdO) dei piccoli e medi editori nel settore dell’editoria per bambini e ragazzi e crescono quasi dell’1% (dello 0,9% per la precisione) nella non fiction pratica. Perdono invece il 9,2% (pari a 5,1milioni di euro) nel segmento della fiction e l’8,4% nella non fiction specialistica (in cui rientrano testi di filosofia e pedagogia, computer, linguistica, etc).

Più libri più liberi vi aspetta per l’undicesima edizione dal 6 al 9 dicembre 2012.

ROMA PROVINCIA CREATIVA A PIÙ LIBRI PIÙ LIBERI

La fiera nazionale della piccola e media editoria

Dal 7 all’11 dicembre è in programma al Palazzo dei Congressi di Roma “Più libri più liberi”, la fiera nazionale della piccola e media editoria che quest’anno raggiunge il traguardo importante della decima edizione.

Un evento rigorosamente indipendente e unico nel panorama nazionale e internazionale per il suo approccio “dal basso” che sfida la crisi economica e il taglio dei contributi per mostrare la vivacità culturale e imprenditoriale dell’altra editoria. Cinque giorni a base di libri, autori, case editrici, ma anche riviste, festival, e-book, nuove collane e progetti editoriali, premi letterari e mostre. Una fitta rete di incontri, confronti e sorprese all’insegna della bellezza culturale che scaturisce dalla varietà, dalla diversità, dalla libertà. Oltre 400 editori, 300 iniziative in programma e decine di autori presenti in fiera, sono solo alcuni dei numeri di “Più libri più liberi” che è passata dai 30mila visitatori del 2002 ai 57mila del 2010 con un incremento dell’88 per cento.

Eraldo Affinati, Sebastià Alzamora, Cristiano Armati, Andrea Camilleri, Margherita Hack, Davide Sapienza, Luigi Pingitore, Dacia Maraini, Giorgio Vasta, Ann Mah, Amélie Nothomb sono solo alcuni degli autori che saranno presenti nel corso delle cinque giornate.

Giovedì 8 dicembre saremo presenti anche noi di RomaProvinciaCreativa, promotori dell’incontro “Amici Ritrovati. Creatività, nuove tecnologie e mestieri editoriali nella Roma che cambia”, con un nostro stand dove vi aspettiamo numerosi per condividere questi temi e realizzare delle brevi video-interviste. Se volete partecipare scriveteci a: redazione@romaprovinciacreativa.it

Programma completo

AMICI RITROVATI – EDITORIA E NUOVE TECNOLOGIE

Creatività, nuove tecnologie e mestieri editoriali nella Roma che cambia

Giovedì 8 dicembre alle ore 12, presso il Palazzo dei Congressi a Roma, nella Sala Rubino, si terrà un incontro dal titolo “Amici Ritrovati. Creatività, nuove tecnologie e mestieri editoriali nella Roma che cambia” nell’ambito di Più libri più liberi, fiera nazionale della piccola e media editoria.

Il titolo dell’incontro promosso dal Dipartimento Innovazione e Impresa Provincia di Roma e RomaProvinciaCreativa nasce dall’idea che quando le nuove tecnologie hanno fatto irruzione sul mercato, in molti casi sono state presentate come in concorrenza con le tradizionali attività editoriali, di conseguenza alcuni editori le hanno viste come una minaccia e hanno cercato di difendersi. Oggi invece il rapporto tra editoria e nuove tecnologie è un rapporto maturo di stretta collaborazione, da qui il titolo di “Amici Ritrovati”.

Le persone che interverranno al dibattito appartengono tutte al mondo dell’editoria e racconteranno la loro esperienza nell’uso delle nuove tecnologie per aumentare le capacità di business delle loro aziende. Sandro Ferri (edizioni e/o), ad esempio, ha deciso di investire in e-books. Daniele Di Gennaro (Minimum Fax) ha da tempo costruito uno dei siti più interessanti e attivi nell’ambito editoriale che è sede di dibattito culturale e promozione commerciale. Martina Suozzo (esperta di comunicazione) utilizza con grande padronanza del mezzo le tecnologie di twitter per il suo lavoro. Valentina Aversano (SettePerUno) è una blogger che attraverso le nuove tecnologie ha costruito un formidabile social network di scambio e pareri sulle novità editoriali.

In tutti questi casi le nuove tecnologie sono diventate il moltiplicatore di ciò che è la vera identità dell’editore e cioè la produzione di contenuti.

La finalità dell’incontro è inoltre quella di mostrare l’aspetto economico del settore editoriale: quanto vale, che dinamiche attraversa, quali difficoltà incontra, in che modo l’industria romana si differenzia dalle altre, che cosa una pubblica amministrazione potrebbe fare per aiutare lo sviluppo dell’editoria.

Programma:

12.00/ Introduce

Gian Paolo Manzella, Dipartimento Innovazione e Impresa Provincia di Roma

12.10/ Ne parlano

Martina Suozzo, esperta di comunicazione

Sandro Ferri, edizioni e/o

Valentina Aversano, blog SettePerUno

Daniele Di Gennaro, Minimum Fax

Modera:

Gioacchino De Chirico, giornalista