VOCAZIONE ROMA: I VINCITORI DEL PREMIO

Premiati con 2000 euro i migliori progetti di intervento finalizzati alla definizione di soluzioni a problematiche di carattere sociale, economico e culturale nell’area metropolitana di Roma.

Il Premio Vocazione Roma č stato istituito dall’associazione Vocazione Roma per promuovere l’emersione di idee progettuali caratterizzate da un’elevata componente in termini di creativitŕ e di innovazione e tese a dare soluzione a problematiche di carattere sociale, economico e culturale presenti nell’area metropolitana di Roma.

I migliori progetti di intervento sono stati premiati ieri, 27 novembre, nell’ambito del convegno “Energie comuni. Spazi & network, servizi & cittadinanza, talento & innovazione: le proposte di una nuova generazione”, organizzato dalla stessa associazione a Grottaferrata.

Le categorie in concorso erano quattro: territorio, creativitŕ, impresa e professioni.

Per la sezione “territorio” č stato premiato Francesco Napolitano con un progetto di riuso del ponte Bailey che prevede l’eliminazione dal letto del Tevere di due piloni dell’ex ponte e il recupero del terzo attraverso un uso alternativo, creativo, ecologico e sostenibile dal punto di vista ambientale.

Per la sezione “creativitŕ” sono stati premiati Gabriele Basso e Martina Carletti con un progetto che mira al cambiamento delle pensiline degli autobus che raccoglieranno in un singolo palo la fermata stessa e l’illuminazione con celle fotovoltaiche. Hanno avuto inoltre una menzione speciale Flaminia Bonifaci e Francisco Javier Romero Varo con il loro “RomanBlock”, un elemento di arredo urbano che unisce moda e standard diffondendo l’idea di design italiano. Un’altra menzione č andata a Francesco Lipari per il magazine “CITYVISION”.

Per la sezione “impresa” ha vinto David Vicario con un progetto che si propone di evidenziare quali siano le frizioni presenti nel mercato delle opere pubbliche e di suggerire soluzioni che permettano il recupero delle diseconomie generate da tali frizioni e lo sviluppo di nuove economie e posti di lavoro per il territorio di Roma e Provincia.

Per la sezione “professioni” č stato premiato Francesco Scotti con un progetto di teleassistenza per anziani con braccialetti biometrici: una nuova professione per l’assistenza sociale. Ha avuto inoltre una menzione Elena Saracino per il progetto “Spacebook” che propone la creazione di un network per conciliare domanda e offerta di spazi liberi.