Roberto Latini

Roberto Latini, nato a Roma nel 1970, è autore, attore e regista teatrale. La sua prolifica produzione comincia nel 1992 per arrivare ad oggi con una trentina di pièces, alcune delle quali messe in scena con la compagnia Fortebraccio Teatro, fondata da Roberto e riconosciuta, nel 1999, dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Il suo concetto di teatro asseconda l’insegnamento della sua maestra, Perla Peragallo: “il sentire scenico”, la capacità che ha l’attore di saper ascoltarsi e ascoltare ciò che è intorno a lui. Ma, soprattutto, un attore deve saper proporre. “Gli spettatori” – spiega Roberto – “reagiscono non a quanto avviene sul palcoscenico ma a ciò che arriva dal palco. Sono loro il coro“. E’ in questo senso che quelli che vengono comunemente chiamati spettacoli, per il fondatore del Fortebraccio, divengono “proposte”, che non hanno possibilità di esistere al di fuori della percezione che ne ha lo spettatore. Oltre a reinterpretare classici tratti da Camus e Shakespeare, Roberto ultimamente si è dedicato a un ciclo di spettacoli all’interno di un programma dal titolo “Noosfera”, nome che vuole sintetizzare e definire la sfera del pensiero umano. Lo spettacolo “Lucignolo” è il primo, e nasce proprio dal personaggio di Collodi. “Penso al Pinocchio di Collodi come a un piccolo manuale dell’italianità” – racconta – “e Lucignolo ne è una delle figure più interessanti. La sua relazione col protagonista, la sua funzione-chiave all’interno della vicenda mi sembrano addirittura meno importanti del suo desiderio di andarsene. Andare via, ancora prima di una destinazione, ancora prima di un qualsiasi Paese dei balocchi, corrisponde ad un sentire molto diffuso. La ricerca di un futuro diverso, fatalmente prima di quello di un futuro migliore, è quel che muove questo personaggio. Lui è il figlio di un malessere che insegue la certezza di un miraggio e paga il conto del proprio sogno“. E quello della rincorsa verso il sogno che poi si infrange è un tema che Roberto Latini usa per raccontare la nave-simbolo di tutto il Novecento: il “Titanic”. “Mentre l’America declinava in tutte le sue speranze il sogno americano – si legge nel sito della compagnia – un qualsiasi iceberg interrompeva improvvisamente la più grande festa della storia moderna, spegnendo le luminarie che sui ponti scimmiottavano le stelle”.

Ph. Andrea Cremonini, Cristiano Colangelo, Simone Cecchetti

WWW.FORTEBRACCIOTEATRO.COM

Gloriababbi Teatro

Gloriababbi Teatro è una compagnia teatrale che fa della figura dell’attore la sua poetica. Filippo Dini, Sergio Grossini, Mauro Pescio e Giampiero Rappa sono attori fortemente convinti che “il teatro di regia incomba mortalmente sulle scene italiane. Il nostro invece si pone come umile (ma non dimessa) ricerca nell’ambito del gioco teatrale, dove lo spettacolo è frutto di un lavoro creativo di tutti e ha il dovere di rinnovarsi e rinascere ogni sera. Fuggiamo dagli effetti che incantano gli occhi e frequentiamo invece quelle zone dell’anima che inchiodano lo spettatore nelle proprie povertà e ricchezze quotidiane“. E’ in questo senso che la compagnia sostiene la centralità del ruolo dell’attore, quale elemento indispensabile all’interno della creazione artistica. E’ questo il tratto di “Zenit”, “Il Riscatto” e “Sogno d’amore”, alcuni dei titoli che Dini e gli altri hanno messo in scena nell’arco di diverse tournée in giro per l’Italia. Nelle rappresentazioni della compagnia Gloriababbi Teatro c’è innanzi tutto il piacere di raccontare una buona storia. Un obiettivo semplice e genuino, il che non vuol dire che non possano esserci insidie. “Su questo cammino” spiegano i componenti della compagnia, “si incontrano due grandi nemici da tenere alla larga: da un lato l’eccesso di sintesi, quando il racconto si limita alla esemplificazione dei fatti, senza lasciare la possibilità a chi guarda di riempire con la propria fantasia il cuore della narrazione. Dall’altro la ricerca ossessiva di poesia, quando si soffoca la narrazione con continui e insensati rimandi allusivi a qualcosa che è oltre“. Rimane il fatto che per i quattro attori il senso finale di una piéce è quello di trascorrere una bella serata con chi sceglie di andarli a vedere. Decisamente curioso invece, è quello che dicono riguardo alla “gestazione” di ogni progetto: “il lavoro del gruppo nasce quasi sempre in cucina. Quando si è fatto tardi si legge un copione o se ne propone uno nuovo. Finita la lettura non diciamo niente. Inizia una fase di elaborazione personale, ognuno di noi ne valuta le potenzialità espressive, artistiche e produttive in rapporto alle proprie motivazioni e alle necessità della compagnia. Se la proposta ha la forza di superare questa fase, è la nascita di qualcosa, altrimenti passa un po’ di tempo e ci riproviamo“.

Ph. Tommaso Le Pera, Laura Benzi, Maurizio Boldrin

WWW.GLORIABABBITEATRO.IT

Eleonora Danco

Autrice, regista e attrice, Eleonora Danco si è imposta come personaggio di riferimento nel teatro italiano contemporaneo. Per lei il 1995 è l’anno dell’esordio: “Ragazze al muro” è il primo testo che dirige, interpreta e produce. La rappresentazione avviene davanti a un’ipotetica fermata d’autobus in una sperduta strada di periferia. Da questo momento in poi Eleonora lavora in modo costante alla ricerca di un linguaggio diretto e artificiale al tempo stesso. Come accade, ad esempio, nello spettacolo “Ero purissima”, del 2003, che per protagonisti ha quattro personaggi ai margini della società. “In realtà io ho un linguaggio poetico, di astrazioni“, racconta Eleonora in un’intervista. “Parto dalla realtà e da personaggi concreti, ma non mi interessa un discorso sociologico. Uso il dialetto come arroganza poetica, agli attori chiedo di essere asettici“. Su “Ero Purissima” si sono espresse favorevolmente molte penne autorevoli. Come Rodolfo di Giammarco che riguardo a questa piéce, su la Repubblica scrive: “Uno spettacolo fuori misura, con un linguaggio fuori catalogo, con contenuti fuori programma, un ruolo maschile per Eleonora Danco che infrange ogni tabù di sesso e corpo“. E’ proprio quest’ultimo, il lavoro che Eleonora fa sul corpo, il segno distintivo del suo teatro. Se le parole diventano immagini, il corpo rappresenta, come l’autrice stessa lo definisce: “lo stato inconscio“. Così, infatti, scrive Osvaldo Guerrieri sul quotidiano La Stampa: “Quasi come Pasolini… sotto fasci di luce sempre fiochi, passando da ombra a penombra, con un linguaggio crudo e diretto Eleonora riferisce di desideri, di alienazioni mentre il suo corpo si contorce, striscia, s’avventa. Il tutto si abbatte sullo spettatore con folate tempestose“. Molti altri hanno paragonato Eleonora Danco a Pasolini, ma come accade spesso nel mondo dell’arte, il punto di arrivo raramente corrisponde al punto di partenza. Così, l’autrice di culto, racconta il suo approccio con il palcoscenico: “Nasce da un rifiuto. Da giovanissima volevo fare teatro, ma la sensazione che avevo quando ci andavo era di rifiuto totale“. Nel 2012 ha debuttato al Piccolo Eliseo con “Intrattenimento violento”, testo a quattro personaggi femminili che interpretano anche ruoli maschili, per la produzione di Michele Placido.

ELEONORADANCO.WORDPRESS.COM

Yoyo Comunicazione

YOYO è un’agenzia di comunicazione non convenzionale. Martino Bellincampi, Jacopo Matano e Matteo Santucci (o come amano definirsi, gli YOYO) hanno (quasi) tutti meno di 30 anni e provengono dai più svariati ambiti professionali. Negli anni hanno collezionato singolarmente numerosi interessi e molteplici esperienze lavorative che spaziano dalla politica al marketing, passando per le ricerche di mercato, il giornalismo e l’informatica.
YOYO Comunicazione nasce proprio dalla volontà di questi tre ragazzi di mettere insieme le loro competenze e passioni. Lo scopo: quello di proporre alle aziende e alla politica un nuovo modello comunicativo. E, soprattutto, di farlo senza trascurare il divertimento. Perchè comunicare è importante, ma ancor di più è farlo con passione e creatività. “Oggi sono molte le realtà che si occupano di comunicazione ‘alternativa’. Termini come social media marketing, unconventional e guerrilla advertising fanno parte da tempo del vocabolario dei comunicatori. Abbiamo iniziato molto presto a occuparci di questi campi. Per questo siamo in grado di offrire servizi di consulenza rapidi ed efficaci, e di progettare strategie e attività comunicative per ogni esigenza. Come le campagne nazionali dei partiti o il fundraising mobile per il mondo del no-profit“.
YOYO Comunicazione spinge gli strumenti tradizionali del comunicare sempre verso il nuovo, attraverso un’attività di ricerca continua che punta al massimo dell’innovazione e della qualità. “Il nostro lavoro di ricerca è orientato a valorizzare il contenuto dei messaggi e il rapporto tra i soggetti coinvolti, relegando la pubblicità al suo ruolo di intermediario. E’ attraverso la creatività e l’etica del contatto che miriamo a oltrepassare i filtri tipici dei media“. L’obiettivo è quello di introdurre un nuovo paradigma dei contenuti, della forma e della qualità del messaggio, in grado di traghettare aziende e soggetti politici verso nuovi modi di rappresentare se stessi nel futuro. “I nuovi media offrono la possibilità di superare i limiti (di costo, di spazio e soprattutto di profondità del contenuto) dei vecchi mezzi di comunicazione. Sono piccoli ‘mondi’ da scoprire e da esplorare sistematicamente“. Anche solo inviando un tweet.

www.yoyocomunicazione.com

Guk Kim – Cibando

Guk Kim si è laureato in Economia e Business Administration alla John Cabot University, a Roma, ma ben prima della certificazione accademica nasce il suo amore per il commercio e le nuove tecnologie. Guk Kim si definisce, infatti, “imprenditore” dall’età di sedici anni, ed è vero che negli anni ha fondato diversi siti internet, tutti attualmente operativi e di successo.
Appassionato sostenitore delle opportunità innovative offerte dal web, all’età di 20 anni realizza un suo piccolo sogno: crea una società di promozione e marketing su web e cellulari. Da questa società nasce Cibando: un motore di ricerca che promuove le specialità culinarie dei ristoranti su Internet, anche e soprattutto grazie all’applicazione per smartphone e tablet. E’ una “strada” digitale che accompagna lo spettatore all’interno di una vera e propria cucina 2.0. “Cibando è un motore di ricerca che si rivolge a tutti i ristoranti d’Italia e agli amanti della buona tavola. Curiamo contenuti esclusivi ed eno-gastronomici su misura per ristoranti, che distribuiamo in rete tramite innovative tecnologie e mezzi di comunicazione. I contenuti sono consultabili con la App Cibando, che permette agli utenti di scegliere dove andare a mangiare direttamente dal proprio smartphone“.
Le immagini e le riprese video sono il vero punto forte della strategia di comunicazione di Cibando. Tanto che lo spettatore viene “accompagnato” fin dentro la cucina, dove può ammirare le differenti fasi di preparazione delle specialità più elaborate. “Cibando mostra i ristoranti in maniera da far venire l’acquolina in bocca. Ci piace catturare l’attenzione dell’utente stuzzicandolo a livello emozionale, attraverso una golosa e creativa stimolazione visiva“. Non solo: grazie alla mai abbastanza celebrata cucina italiana, Cibando sta già pensando a espandersi a livello internazionale. “Ci stiamo attivando per allargare l’attività e coprire un territorio sempre più vasto. Tutti i nostri sforzi sono volti a creare il miglior servizio possibile di “trova-ristoranti.
Gli aspetti dello sviluppo creativo, ideativo e progettuale hanno uguale peso nell’azienda. Ma per essere competitivi è necessaria, inoltre, una costante attenzione alle continue evoluzioni in campo tecnologico e nei social network“.

www.cibando.com