Jaime D’Alessandro

Jaime D’Alessandro, 1969, giornalista, vive e lavora a Roma. Dal 1997 si occupa di tecnologia e videogame per il quotidiano la Repubblica e per diversi suoi magazine e mensili (Il Venerdì, Affari & Finanza, la Repubblica XL, Repubblica.it). Nel 2001, direttore creativo della sezione videogame del Cwt Festival presso la Triennale di Milano e nel 2002 curatore della prima mostra europea dedicata ai videogame: “Play: Il mondo dei videogiochi”. Ha curato per tre anni la sezione videogame del Future Film Festival di Bologna e cura ancora oggi quella di View Conference a Torino. Ha pubblicato “Enchanted music&light records”, scritto insieme a Niccolò Ammaniti per il volume “Il fagiano Jonathan Livingston. Manifesto contro la new age”, edito da minimum fax. Ha curato il volume “Game Culture”, raccolta di saggi sulla cultura dei giochi elettronici, pubblicata da “Bevivino” e ha scritto nel 2005 il saggio “Play 2.0, Storie e personaggi nell’era dei giochi online”.

Thomas M. Brown

Thomas M. Brown è uno scienziato prolifico: è stato finora autore di oltre 50 pubblicazioni. Ma di certo è anche un “inventore”, uno a cui le cose non piace solo teorizzarle, ma anche metterle in pratica. Tanto che sono ben 15 i brevetti che ha depositato durante tutta la sua carriera. Nel 1996 Thomas si laurea con lode in Fisica all’Università La Sapienza di Roma. Dal 1997 si occupa di transistor a film sottile come Research Assistant e poi di LED organici per il suo PhD negli Engineering and Physics Departments alla Cambridge University. Dal 2001 al 2005 ha sviluppato come Senior Engineer circuiti elettronici in plastica ed e-paper (carta elettronica) alla Plastic Logic Ltd, a Cambridge. Nel 2005 torna in Italia grazie al cosiddetto “Rientro dei Cervelli”, il bando indetto dal MIUR. Inizia a lavorare sul progetto di ricerca di sviluppo di celle fotovoltaiche organiche o ibride presso il Dipartimento d’Ingegneria Elettronica, Università di Roma – Tor Vergata, dove nel 2006 fonda insieme ai suoi colleghi il CHOSE, Centre for Hybrid and Organic Solar Energy, “Polo Solare Organico” istituito grazie ai finanziamenti della Regione Lazio. “Nella scienza e nell’ingegneria
applicata spesso l’originalità si esprime sia nel risolvere problematiche scientifiche o tecnologiche, sia nel vederle con un’angolazione diversa facendosi domande o affrontando sfide a cui nessuno, fino a quel momento, ha ancora pensato“.
Proprio in questa prospettiva nasce CHOSE, un grande laboratorio tecno-scientifico in cui si ricercano nuove vie per integrare il bisogno di energia “alternativa” e pulita con quella di rispettare esigenze architettoniche e estetiche: “I processi non necessitano di alte temperature, per cui la nostra tecnologia può essere resa compatibile con substrati plastici, una proprietà importante per lo sviluppo di un fotovoltaico leggero, conformale e flessibile. Inoltre, essendo i materiali compatibili con i substrati di vetro conduttivo, è possibile rendere ‘fotovoltaica’ una facciata colorata semi-trasparente, rendendola attraente e integrata architettonicamente“.
A pochi anni dalla sua fondazione, il “Polo Solare Organico” della Regione Lazio, al Tecnopolo Tiburtino, vanta oltre 600 mq di laboratori. Qui, un nutrito team di ricercatori lavora con motivazione e passione, rendendo l’Italia competitiva su scala internazionale. E facendo di Roma la capitale di un’energia verde, pulita, e rivoluzionaria.

www.chose.it

 

Martina Scorcucchi

Martina Scorcucchi nasce a Roma il 9 Dicembre 1986. Dopo gli studi classici si avvicina alla moda, frequentando il corso di Fashion Design presso lo IED Moda Lab di Roma. Già durante l’ultimo anno di studi comincia, per pura passione, a fotografare i progetti realizzati da lei stessa e dai suoi compagni di corso. Partecipa a uno stage trimestrale come designer presso Max & Co, ma si rende definitivamente conto che la sua strada non è certo quella del design. Martina ama soprattutto fotografare, non certo progettare: decide di partire per New York, dove trascorre sei mesi, lavorando con le maggiori agenzie di modelle e collaborando con magazine indipendenti come “Dossier Journal”, “Vestal Magazine” e “Bambi”. Numerose sono anche le collaborazioni con designer romani e americani, tra i quali Shampalove, Livia Lazzari, Voodoo Jewels, Sante Bozzo e Laura Siegel. “Si diventa fotografi perchè si ama l’immagine, quello che un’immagine può trasmettere. Io invece sono diventata fotografa di moda perchè ho sempre amato gli abiti”. Questo amore traspare da ogni foto di Martina, che comincia a “osservare” l’evolversi della moda con uno sguardo attento ai particolari dell’abito o degli accessori, ma, allo stesso tempo, puntato ben oltre: al sentimento e all’emozione. “C’è un grande pregiudizio sulle fotografie di moda. Ma similmente agli altri fotografi, anche io cerco sempre di trasmettere qualcosa: un’emozione, un sentimento. Con i miei scatti cerco di raccontare delle storie, sempre in modo diverso. Ogni volta che punto la mia macchina fotografica, l’obiettivo è quello di far emozionare chi guarda il risultato finale“. Non solo scatti di moda, dunque: ma anche ritratti e reportage. Insomma, uno sguardo più profondo che non si ferma soltanto alla constatazione del reale. “Cerco di accompagnare lo spettatore in un racconto; immaginario, personale o evocativo. Ritengo questo il fine ultimo di una fotografia che la accomuna a una canzone, o a una poesia“. A Martina, del resto, piace raccontare. “Spero di continuare a fare questo lavoro per tutta la vita. Crescendo e oltrepassando i miei limiti. Ogni volta”.

Ph. particolari dei lavori della fotografa
www.martinascorcucchi.com

Stella Jean

Stella Jean, giovane stilista italo-haitiana, ha capito di voler lavorare nella moda sin dalla prima volta che è entrata in un laboratorio di sartoria. Inizia come modella ma poi, racconta, “ho corretto il tiro e trovato la mia dimensione nella possibilità di esprimermi come stilista“. Seconda classificata al concorso di moda Who is on Next? nel 2011, Stella partecipa nello stesso anno a Fashion-ABLE Haiti, un’iniziativa ideata dall’ambasciata di Haiti in collaborazione con il Comune di Roma. L’evento nasce per aiutare l’economia dello stato caraibico dopo il tragico terremoto che ha colpito Portau-Prince.
Le origini di Stella, quella creola da un lato e occidentale dall’altro, hanno influenzato le sue creazioni, uniche nel loro genere. “La moda mi ha concesso un ampio spazio” – spiega – “dove far finalmente respirare queste due culture e trasformare un tallone d’Achille in punto di forza e di partenza“. Il suo metodo di lavoro si ispira a quello di Madeleine Vionnet. La giovane stilista per creare i suoi abiti salta il passaggio del disegno, proprio come faceva la stilista dell’ottocento che aveva la necessità di drappeggiare e plasmare l’abito direttamente sul corpo. Ma la vera protagonista della moda di Stella è la “Wax & Stripes philosophy”. Il wax è un tessuto tipicamente africano che è stato “contaminato” dai colonizzatori europei, nella fattispecie dagli olandesi, nel periodo dell’espansione coloniale. Conquistatori che indossavano le camicie a righe: “stripes”. “Ecco perchè – come si legge nella presentazione della collezione – in ogni creazione di Stella sono presenti sia fantasie multicolor che fantasie millerighe, testimonial di due mondi lontanissimi tra loro. In questo modo l’esplosione di colori viene ‘mediata’ dalla camicia da uomo e dalla sua assoluta portabilità. Inoltre, i tagli si addicono a un look sia da giorno che da sera“.
L’abito diventa così espressione della multiculturalità, dell’incontro tra culture e mondi diversi uniti dal linguaggio universale della moda. “Questa collezione” – spiega Stella – “è una sincera dichiarazione d’intenti che vuole però ramificarsi in ulteriori matrimoni culturali. Per fare tutto ciò è necessario del tempo per conoscere e studiare le varie culture e tradizioni che voglio miscelare. Ciò che più temo è la facilità con cui si utilizzano le tradizioni e gli stili delle culture a sud dell’equatore. Con una lieve tendenza alla caricatura e alla parodia“.

WWW.STELLAJEAN.IT

Caterina Gatta

Caterina Gatta si è laureata in Scienze della Moda e del Costume alla Sapienza di Roma. Mentre studiava ha cominciato a muovere i primi passi nel mondo del lavoro, facendo l’assistente durante le “fashion week” milanesi. Nel 2008 Caterina inizia a sviluppare il suo progetto di moda registrando il marchio che porta il suo nome. Poi, la presentazione della sua prima collezione a New York, nel maggio 2009 e successivamente a Milano per il Vogue Talents Corner, progetto di scouting firmato Vogue Italia. Caterina realizza abiti con le stoffe vintage di famosi stilisti: Versace, Valentino e Lancetti, solo per dirne alcuni, e la direttrice della rivista Franca Sozzani, definita da Caterina “la sua musa”, ha voluto credere per prima nel progetto della giovane designer. Le creazioni di Caterina Gatta sono vintage sia nel tessuto sia nel design, ma non c’è nessun messaggio nostalgico nelle sue collezioni, solamente “la passione per una moda che attinge al passato per proiettarsi nel futuro” racconta la stilista. E continua: “c’è il bisogno di riscoprire attraverso i colori, le fantasie e le stampe, una vena creativa tipicamente italiana che sembra invece essersi esaurita proprio tra le nuove generazioni di designer“. Il 30 gennaio 2012 Caterina ha presentato capi e accessori per celebrare il cinquantesimo anniversario di Lancetti a Roma, per farlo ha girato personalmente l’Italia alla ricerca di tessuti vintage che portassero la firma del famoso stilista. “Dopo tanta ricerca, difficile ma appassionante – spiega la giovane romana – ho selezionato sette stampe che risalgono al periodo che va dalla metà degli anni ottanta ai primissimi anni novanta. Sono andata anche alla ricerca di testimonianze su Pino Lancetti, per avere un’idea più chiara del suo stile, della sua personalità, della sua vita e delle sue passioni“. Così come ha fatto per questo grande evento, Caterina cura personalmente tutti gli aspetti creativi, organizzativi e gestionali del proprio marchio. La ricerca dei tessuti in primis, successivamente la realizzazione degli abiti e la scelta delle modelle. Appassionata di fotografia, cura inoltre le immagini per le collezioni. “Secondo me – racconta – quello tra moda e fotografia è un connubio inscindibile. Sono come due innamorati che si completano“.

WWW.CATERINAGATTA.IT

caterina@caterinagatta.com