L’Altra Ego. Giosetta Fioroni e Marco Delogu

Il MACRO presenta L’altra ego, progetto artistico di Giosetta Fioroni e Marco Delogu.

Il MACRO presenta L’altra ego, progetto artistico di Giosetta Fioroni e Marco Delogu.
La mostra celebra gli ottant’anni dell’artista romana, protagonista della Scuola di piazza del Popolo, e segue a distanza di dieci anni la serie fotografica Senex, che giŕ aveva visto la loro collaborazione. L’altra ego consiste in una serie di ritratti dell’artista realizzati da Marco Delogu, al confine con una dimensione onirica e surreale, e in cui le ambientazioni, la luce, il trucco, l’abbigliamento e ogni singolo elemento del processo crativo scaturisce dal confronto e dalla collaborazione dei due.

Gli anni recenti […]― scrive Giosetta Fioroni ― sono stati quelli nei quali ho elaborato una forte istanza di ‘intervenire’ sulla corporeitŕ… sul mio aspetto per cambiarlo. Sul corpo, sul volto come opera da plasmare e trasformare attraverso radicali mutazioni. Ho cominciato a usare molta attenzione […] al rapporto psicologico con la mia apparizione reale, nel tentativo di immaginare altre identitŕ (nuove) da sostituire, appunto, a quella reale di tutti i giorni.
Dalla scelta del trucco e dell’abbigliamento, fino alla definizione dell’illuminazione e del punto di vista, l’artista e il fotografo hanno condiviso ogni aspetto del complesso intervento tecnico-espressivo che ha portato a stabilire l’identitŕ finale dei nuovi personaggi e a determinare il misterioso intendimento dell’insieme.
Il museo presenta dunque il lavoro di due autori ugualmente artefici, co-protagonisti, del risultato figurativo in ogni foto.
L’esposizione sarŕ accompagnata da un quaderno della serie MACRO – Quodlibet che riunirŕ testi di Alberto Boatto e Franco Marcoaldi.

Giosetta Fioroni | Biografia
Nata a Roma nel 1932, si forma all’Accademia di Belle Arti, dove č allieva di Toti Scialoja. Dopo la partecipazione nel 1955 alla VII Quadriennale Nazionale d’Arte di Roma, frequenta dai primi anni Sessanta l’ambiente artistico della galleria “La Tartaruga” a Roma, che ospita alcune delle sue esposizioni piů importanti, tra cui nel 1969 la performance La spia ottica – inclusa nella rassegna Il Teatro delle mostre – che sancisce il suo interesse per il teatro. Partecipa alla Biennale di Venezia nel 1956, nel 1964 e nel 1993, anno in cui un’intera sala della manifestazione č dedicata al suo lavoro. Nel 2010 č stata pubblicata un’ampia monografia storico-biografica su tutto il suo lavoro, a cura di Germano Celant.

MACRO – Museo d’Arte Contemporanea – Project Room 2
Via Nizza, 138 Roma
Orario: da martedě a domenica, ore 11.00-19.00 / sabato: ore 11.00-22.00 (la biglietteria chiude un’ora prima)
Da martedě a domenica dalle ore 11.00 alle ore 21.00 apertura dei cancelli (via Nizza 138 e via Reggio Emilia 54) per accedere agli spazi liberi: foyer, Hall, ristorante, caffetteria, terrazza e spazio Area.
Tariffa intera: non residenti 12,50 €, residenti 11,50 €.
Tariffa ridotta: non residenti 10,50 €, residenti 9,50 €.