Il corpo solitario nell’autoscatto fotografico

“Il corpo solitario. L’autoscatto nella fotografia contemporanea”: il corpo si racconta attraverso l’autoscatto fotografico.

Giovedě 21 febbraio, presso il Centro Di Sarro di Roma, sarŕ presentato il nuovo libro di Giorgio BonomiIl corpo solitario. L’autoscatto nella fotografia contemporanea“, Editore Rubbettino che in piů di 400 pagine, tutte a colori, esamina oltre 700 artisti di tutto il mondo, a partire dagli anni Settanta. Per l’occasione č stata organizzata una mostra che presenta artisti che con la fotografia hanno messo in pratica le modalitŕ dell’autorappresentazione, spesso evidenziando una poetica di “solitudine”. Si parte dal proprio corpo come elemento primario di sé e, soli con se stessi, si ricerca una rappresentazione che puň essere “reale” o “possibile”, tragicamente data o felicemente ipotizzata.

Per “autoscatto” si intendono tutte le forme possibili con cui questo puň realizzarsi: dall’autoscatto vero e proprio (con il temporizzatore, con la macchina fotografica in mano, con il flessibile, con il telecomando) alla fotografia realizzata da un assistente il cui compito č meramente esecutivo: cosě possiamo usare molte definizioni, per le realizzazioni ottenute con questa tecnica che č anche una poetica, come “autoritratto”, “percezione di sé”, “identitŕ”, “allo specchio”, e molte altre, per quel concetto di “autorappresentazione” che l’artista, da sempre, ha tentato.
La pratica dell’autoscatto č enormemente diffusa in tutto il mondo, soprattutto negli ultimi anni, qui si presentano un ristretto, ma significativo gruppo di artisti, in prevalenza di genere femminile – infatti, altra caratteristica del campo dell’autoscatto č proprio la numerosa presenza femminile – europee che, al di lŕ delle differenze, anche anagrafiche, hanno tutti un notevole curriculum artistico e professionale di livello internazionale.

Č caratteristica dei nostri tempi l’apparizione di un modo nuovo di riflessione sulla propria identitŕ, sul proprio corpo, sulla conoscenza di sé. Finito lo “scandalo”, finita la necessitŕ ontologica di una autodefinizione, l’artista ha cominciato a indagare su se stesso come oggetto di conoscenza, da un lato, e come soggetto di narrazione, dall’altro: la metodologia dell’autorappresentazione č apparsa la piů funzionale e la piů appropriata per simili operazioni; la stessa componente narcisistica, certamente presente, assume un valore diverso se leggiamo il mito greco non come esempio di futile vanitŕ (Narciso muore affogato o di consunzione, a seconda delle versioni, perché innamorato di sé) bensě come esemplificazione dell’operazione del conoscere, cioč il percepire l’altro da sé (ciň che sta davanti al soggetto conoscente) e comprenderlo (che, etimologicamente, significa “prendere insieme”, “afferrare”), per cui Narciso muore nel tentativo di “afferrare” la sua immagine “riflessa” sull’acqua proprio per conoscere se stesso, cioč con l’“autoriflessione”, e si consideri che possiamo conoscere la parte piů significativa del nostro corpo – il volto – solo con lo specchio, che ci “riflette”: con il mito di Narciso si evidenzia che il desiderio di conoscere comporta rischi estremi, fino alla morte, come insegna anche l’altro grande mito sulla conoscenza, l’Ulisse dantesco.

Č evidente che in questa odierna societŕ, sempre piů spersonalizzata e basata sull’immateriale, il percorso di riappropriazione non puň che partire da se stessi e dal proprio corpo: l’autorappresentazione, quindi, permette di evitare mediazioni, funziona come “specchio”. Un altro dato interessante consiste nel fatto che, come si č accennato, tra gli artisti che usano l’autorappresentazione, sono prevalenti le donne, per spiegare il fenomeno possiamo ricorrere a tutte le categorie indicanti le caratteristiche femminili: intimitŕ, riservatezza, immediatezza, pudore, e cosě via, se non le interpretiamo in modo mellifluo e se accettiamo la lezione del femminismo piů accreditata che prevede non l’uguaglianza bensě l’esaltazione delle differenze di genere.

Infine, ma a rigor di logica sarebbe la prima domanda da cui partire, dobbiamo chiederci: perché proprio la metodologia dell’autorappresentazione? Riteniamo che, oltre alle motivazioni sopra esposte, questa forma di rappresentazione/espressione permetta all’artista di unificare soggetto ed oggetto senza mediazioni e di usufruire di una completa “solitudine” nell’atto creativo. Se, infatti, quando l’artista riprende una realtŕ altra con la camera fotografica, abbiamo l’ingranaggio di tre elementi – il soggetto che riprende, la macchina, l’oggetto ripreso – con l’autoscatto il primo e il terzo si unificano quasi fagocitando, per cosě dire, il secondo. Tutto ciň permette di evitare, almeno a livello concettuale e metodologico, ogni interferenza esterna, positiva o negativa, e l’autore si trova “solitario” e carico di una responsabilitŕ, etica ed estetica, maggiore e con una dose assai piů ampia di rischio: ma la sfida crediamo, come si puň vedere anche in questa mostra, ha dato risultati assai interessanti.

GLI ARTISTI
Natascia Becchetti – Stefania Beretta – Isabella Bona – Maria Bruni – Marina Buratti – Anja Capocci -Maurizio Cesarini – Antonio D’Agostino – Luigi Di Sarro – Isabella Falbo – Lucia Gangheri -Anna Maria Gioja – Werther Germondari – Tea Giobbio – Alessio Larocchi – Maria Mulas – Federico Nardelli – Caterina Notte – Virginia Panichi – Valentina Parisi – Daniela Perego – Andreina Polo – Elettra Ranno – Rivka Spizzichino – Sara Spizzichino – Alessandra Tescione – Mona Lisa Tina – Emiliano Zucchini

IL CURATORE
Giorgio Bonomi č nato a Roma nel 1946, vive a Perugia. Dopo un periodo di studi e scritti di filosofia politica, tra cui il libro Partito e rivoluzione in Gramsci, ed. Feltrinelli 1973, la collaborazione a “il Manifesto”, si č dedicato all’arte contemporanea come critico, curatore di mostre, saggista e fondando e dirigendo la rivista “Titolo”. Ha diretto il Centro Espositivo della Rocca Paolina di Perugia dal 1994 al 1999. Č stato il Direttore della Fondazione Zappettini (Chiavari e Milano) che si occupa della pittura analitica, e della Biennale di Scultura di Gubbio. Tra le circa duecento mostre curate in Italia e all’estero, ricordiamo: Plessi; Beuys. Difesa della Natura; le Biennali di Scultura di Gubbio del 1992, 1994, 2006, 2008; 3 X Monochrom: Fontana, Manzoni, Pinelli; Pittura 70. Pittura pittura e astrazione analitica. Dirige la Collana Arte contemporanea di Rubbettino Editore, presso cui ha pubblicato gli ultimi suoi due libri, La disseminazione. Esplosione, frammentazione e dislocazione nell’arte contemporanea; Il corpo solitario. L’autoscatto nella fotografia contemporanea.

Inaugurazione 21 febbraio ore 18.30
Durata: 21 febbraio – 2 marzo

Centro Luigi Di Sarro
Via Paolo Emilio, 28 – Roma
mar-sab ore 16.00-19.00