-SCAPE

Studio di architettura, contenitore di idee, persone e competenze, rete di esperienze trasversali

-scape è uno studio di architettura, con sede a Roma e a Parigi. Nato nel 2002 da un’idea di Ludovica Di Falco, Francesco Marinelli e Paolo Mezzalama, architetti, formatisi alla Facoltà di Architettura dell’Università Roma Tre. L’idea si è concretizzata nel febbraio 2004 con la costituzione della società di ingegneria -scape spa. Nel 2005, Alessandro Cambi, architetto formatosi fra la Facoltà di Architettura di Firenze, l’École D’Architecture di Parigi – La Villette e l’École d’Architecture di Parigi – La Défense aderisce, in qualità di quarto socio. “Sin dall’inizio abbiamo pensato -scape come un contenitore di idee, di persone, di competenze specifiche e multidisciplinari, per concepire il processo edilizio in modo completo, attraverso il lavoro svolto all’interno dello studio e tramite una rete di consulenze esterne”. -scape si è distinta in numerosi concorsi internazionali tra cui il Concorso internazionale per la Piazza del Fiera District a Bologna, l’Europan 8-Riga, A.A.A architetti cercasi e nel 2008, ha ricevuto il premio Nouveaux Albums des Jeunes Architectes, del Ministero della Cultura e della Comunicazione francese, mentre dal 2009 -scape collabora all’attività didattica della Facoltà di Architettura di Roma Tre. “Abbiamo costruito una rete di relazioni ed esperienze culturali e professionali trasversali e transnazionali che hanno avuto come trait d’union alcuni temi, tra cui quello del paesaggio, ma anche quello del vuoto e della sostenibilità”. Una parte dei progetti dello studio è frutto di collaborazioni con architetti e paesaggisti internazionali quali Francis Soler, Eduardo Souto de Moura, Alessandro Anselmi, Francesco Cellini, Gilles Clement o artisti come Nunzio, “oltre alle numerose interazioni con studi di architettura, amministrazioni e studenti con cui da molti anni condividiamo riflessioni. La nostra attività produce effetti sul territorio sia in termini di sinergie professionali ed economiche, sia in termini di cambiamento dell’assetto fisico dei luoghi. Il nostro apporto è volto al miglioramento del territorio attraverso la costruzione di luoghi capaci di rispondere alle esigenze di vita delle persone (compresa l’esigenza di emozionarsi). In un progetto a Milano Forlanini, per esempio, abbiamo cercato di offrire nuovi modelli abitativi espandibili nel tempo e capaci di assorbire la dinamicità della società contemporanea”. Per il futuro “immaginiamo una Roma rispettosa della sua architettura antica e della sua storia ma capace, allo stesso tempo, di rinnovarsi per diventare una vera città all’avanguardia. La immaginiamo con numerosi ‘centri’, ognuno con una propria identità, legati tra loro da un sistema di mobilità pubblica facilmente accessibile dai cittadini. Tra un ‘centro’ e l’altro un enorme parco urbano-territoriale, costituito dall’agro romano, dove trascorrere il tempo libero. Quello di cui parliamo non è un’astrazione o un’utopia, ma la struttura urbana che Roma già ha e su cui basterebbe intervenire con coraggio e lucidità, perseguendo un’idea chiara e moderna”.
www.scape.it

Lascia un commento