GRAB – MAGAZINE

Magazine free e contemporaneo che
appassiona chi crede nelle nuove
forme di espressione e comunicazione

Grab Magazine è una pubblicazione trimestrale contemporanea, attenta alle contaminazioni artistiche e alle evoluzioni di correnti e tendenze, dalla grafica all’illustrazione, dalla fotografia all’animazione, passando per musica, negozi di tendenza, libri, riviste, nuovi brand, toys, gallerie d’arte, eventi culturali e periodici per vasto pubblico. L’avventura di Grab ha inizio nel 2005, quando Luca Panzieri, Matteo Santori e Francesco Spadoni, provenienti da esperienze e formazioni diverse, convogliano le loro idee in questo progetto. Nato come format multimediale, si è evoluto in un progetto cartaceo a distribuzione gratuita. Dopo vari cambiamenti societari, agenzia, casa editrice e logo, sono passati nelle mani di Luca Panzieri e Gianluca Quatraro che, dal 2007, hanno cominciato a dare regolarità al magazine, affiancati da Stella Venturo: “la voglia che ci spinge è quella di offrire un free press che si avvicini il più possibile ai magazines patinati a pagamento, con un taglio più europeo e un prodotto più street rispetto ai tentativi che si sono visti in Italia e che a nostro avviso non sono riusciti a rimanere in linea con il resto d’Europa, non presentando a dovere tutto quel fermento di street art e underground culture che si leggeva e che si legge ancora oggi nelle pubblicazioni estere”. Grab collabora e supporta artisti nazionali e internazionali e grazie alla sua crescente community web è sempre in contatto con le nuove avanguardie di tutto il mondo: il nuovo sito/blog ospita i contenuti del magazine stampato e permette ai visitatori di segnalare i propri lavori e qualsiasi immagine o argomento inerente ai temi della rivista. “Dal 2007 a oggi Grab ha acquisito notorietà, sia sul territorio sia sul web, vanta collaborazioni con noti brand e partnership con importanti eventi fieristici, organizzati nelle location più cool di Roma come il Circolo degli Artisti, il Micca, il Brancaleone e la CO2 Gallery. Inoltre, con la recente apertura dello showroom di Piazza di Spagna, si prepara a essere un punto di riferimento per tutto l’indotto della street culture di Roma. In questa location, oltre a ospitare una sorta di mini fiera permanente organizzeremo mostre, feste ed esposizioni di vario genere, coinvolgeremo gli artisti presenti sul magazine e le aziende presenti nello showroom per la creazione di serie limitate e prodotti di design unici. L’idea è quella di portare la street culture a un livello più alto, con interventi più visibili su tutto il territorio di Roma. Ci piacerebbe intervenire in maniera più radicale e incisiva sul territorio, sradicando dall’immaginario collettivo quell’alone di vandalismo e degrado che viene fuori quando si parla di street art o urban culture. Questo potrebbe essere possibile reinterpretando strutture inutilizzate, coinvolgendo attivamente la popolazione e i giovani con nuove attività e iniziative interessanti”.
www.grabmagazine.it

Lascia un commento