Generazione cultura, sostenere i giovani talenti con il gioco del lotto

Il progetto Generazione Cultura ideato e sostenuto da Il Gioco del Lotto, in collaborazione con il MiBACT insieme ad ALES e la LUISS Business School, nasce con lo scopo di potenziare le competenze di giovani talenti e valorizzare il patrimonio artistico e culturale del nostro Paese. Generazione Cultura è una delle iniziative a sostegno della comunità su cui il Gioco del Lotto è da sempre in prima linea con importanti progetti. Questa volta lo fa in modo innovativo: con un percorso formativo e professionale.      

  100 giovani neolaureati di talento

  • circa 200 ore in 6 settimane di alta formazione presso la LUISS Business School
  • 6 mesi di stage retribuito presso oltre 25 istituzioni culturali italiane
  • fino a 10 idee di impresa, proposte dai giovani talenti, per l’accesso alla fase di incubazione

Obiettivi

  • Comprendere le dinamiche gestionali e organizzative del sistema artistico e culturale;
  • Costruire un’esperienza che consenta ai partecipanti di conoscere a fondo il sistema dell’arte e della cultura;
  • Sviluppare le capacità progettuali e imprenditoriali per avviare nuove idee di business.

 

A chi è rivolto

A laureati magistrali in qualsiasi disciplina, o in possesso di un titolo universitario equivalente conseguito presso università estere, con un’età massima di 27 anni, di nazionalità italiana e con una buona conoscenza della lingua inglese (valutata in sede di selezione).

 

Il programma

Il programma è articolato in 3 momenti:

a. Formazione in aula per un totale di circa 200 ore di lezione sui seguenti temi: Digital Transformation e Comunicazione, Marketing dell’arte e della cultura, Adventure Lab, Cultural Project Management, Economia e Gestione delle Istituzioni Culturali Pubbliche Italiane.
b. Stage retribuito presso istituzioni culturali per una durata complessiva di 6 mesi a cui seguirà un follow-up formativo
c. Tutoring on demand per lo sviluppo di potenziali idee di impresa.

Il bando si chiuderà il 21 aprile 2017

www.generazionecultura.it

Lascia un commento