Intervista a Nicola Tagliaferro

Nicola Tagliaferro è il fondatore di Yourec.it, piattaforma online per lo scambio di oggetti gratuiti. Nel segno del riciclo e dell’ecologia…

Come nasce il progetto Yourec? Ci racconti la genesi?
Nell’attuale contesto di sprechi, di utilizzo indiscriminato delle risorse, di inquinamento e crisi economica il ripensamento delle abitudini di consumo con l’ausilio dell’innovazione tecnologica rappresenta l’unica strada percorribile per ristabilire un nuovo equilibrio di crescita sostenibile. Questa mia filosofia congiunta alla mia esperienza ed indole che mi ha sempre portato a riciclare ed evitare di sprecare cose e servizi per salvaguardare l’ambiente mi ha spinto verso Yourec.
Inizialmente nato come progetto editoriale, perché volevo imparare, istruirmi di più sulla materia ecologia (normativa, operatori, etc) e successivamente, dopo aver partecipato a numerose fiere ed eventi per confrontarmi direttamente con le persone/cittadini, ho direzionato il sito verso un vero e proprio portale dove gli utenti interessati potevano attivamente riciclare ma nello stesso tempo essere premiati. Tutto questo perché la risposta più frequente dei cittadini con cui mi confrontavo era: perché riciclare? Perché i prodotti riciclati costano di più? Perché la tassa sui rifiuti aumenta anche se sono virtuoso e faccio la raccolta differenziata? Allora con la nuova versione di Yourec ho cercato di rispondere proprio a questa richiesta dei cittadini!

A oggi quanti utenti comprende la community?
La community complessiva è di circa 12.000 utenti (iscritti diretti al sito, facebook e twitter).

Che tipo di oggetti vengono scambiati maggiormente?
Elettronici. Seguono abbigliamento e libri.

Ci parli anche del sistema di ricompensa previsto per chi scambia?
Inserendo annunci, ritirando o cedendo oggetti, segnalando eco-aziende, invitando amici, scaricando e giocando con l’APP, si guadagnano Eco Monete da utilizzare per richiedere premi e buoni sconto di aziende partner che mettono a disposizione le loro creazioni originali e rigorosamente realizzate con materiali di riciclo e nella piena sostenibilità.

Recentemente Yourec ha partecipato all’iniziativa “Io scelgo la strada giusta”, una campagna contro l’abbandono degli pneumatici fuori uso. In che modo?
Siamo attualmente in fase di lancio di questa iniziativa. Abbiamo pensato di supportare la campagna “Io scelgo la strada giusta” perché condividiamo gli stessi valori e perché si rivolge in questa fase a un territorio che ci sta particolarmente a cuore. Inoltre disponevamo di una piattaforma che poteva rendersi utile all’iniziativa facendo in modo che gli utenti potessero diventare parte attiva del processo. Chi individua uno pneumatico abbandonato può segnalarlo utilizzando la nostra piattaforma web: proprio come se fosse un annuncio. Nel campo “Descrizione” è fondamentale inserire informazioni dettagliate – località, frazione, strada, numero civico – in modo da fornire indicazioni precise per il successivo recupero. Le segnalazioni sono raccolte in un documento che periodicamente è inviato alle competenti autorità ed al Ministero dell’Ambiente. Per ogni annuncio inserito, al fine di incentivare gli utenti, Yourec riconosce delle Eco Monete.
Yourec inoltre elaborerà un report che invierà al ministero dell’ambiente in cui riporterà su base regionale tutte le segnalazioni dei cittadini al fine di indirizzare e supportare le azioni pubbliche in materia.

www.yourec.it

RE-CYCLE

Strategie per l’architettura, la citt e il pianeta

Il 30 novembre s’inaugura al MAXXI di Roma la mostra “Re-cycle. Strategie per l’architettura, la citt e il pianeta”, una mappa contemporanea del riciclo come strategia creativache proseguir fino al 29 aprile 2012 attraversouna mostra con 80 disegni, modelli, fotografie, video, oggetti,due installazionisite specific diFernando e Humberto Campana eraumlaborberlin e una mostra fotografica diPieter Hugo/ Permanent Error. Faranno parte della mostra importanti lavori di architetti e artisti contemporanei: dalla High Line newyorchese di James Corner e DS+R ai dischi di Jimi Hendrix incisi sulla lastra di un cranio fratturato nella Russia della Guerra Fredda, dal progetto di Lacaton & Vassal per la trasformazione del Palais de Tokyo a Parigi ai filmati di Blob che riusano spezzoni di materiale televisivo. E ancora, lAlvole 14 a Sainte Nazaire del gruppo LIN, i progetti di rinaturalizzazione selezionati insieme a Harvard University per le shrinking cities in America e in Europa.

L’inaugurazione sar preceduta dalla conferenza stampa alla quale interverranno: Pio Baldi, Presidente Fondazione MAXXI; Margherita Guccione, Direttore MAXXI Architettura; Pippo Ciorra, curatore della mostra; Antonia Pasqua Recchia, Direttore Generale per il paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee.

Saranno inoltre presenti: Fernando e Huberto Campana, Micaela Corsi MIUR, Domitilla Dardi curatore per il design del MAXXI Architettura, Francesca Fabiani curatore fotografia per il MAXXI Architettura, Roberto Grossi Vice Presidente Fondazione MAXXI, Pieter Hugo, Laura Olivetti Presidente della Fondazione Adriano Olivetti e raumlaborberlin.

Programma della giornata:

ORE 11:30 Accredito Stampa

ORE 12:00 Conferenza Stampa e Preview

ORE 18:00 Lecture di Pieter Hugo al MAXXI B.A.S.E.

ORE 19:30 Inaugurazione