Risarcimenti. Storie di vita e di attesa

Un percorso espositivo che si snoda tra racconti intimi, documenti personali, storie di vite estreme e di disagio.

Storie di vita e di attesa narra di eroi del quotidiano. Racconti intimi, storie di vite estreme e di disagio sono raccolti in un percorso espositivo assolutamente unico che offre al visitatore un’esperienza culturale multidisciplinare, frutto di una ricerca etnografica che ha messo in relazione gli studenti della Facoltŕ di Medicina e Psicologia della Sapienza e gli ospiti dell’Esercito della Salvezza di Roma.

In esposizione una curiosa collezione di documenti personali: 600 bigliettini, 500 scatole, 40 valigie con diversi contenuti, 20 cuscini, 11 storie di vita in video (e le relative trascrizioni), 11 ritratti fotografici. Il fulcro dell’installazione sono i doni attesi, espressi in centinaia di bigliettini chiusi in altrettante scatole di latta che i visitatori possono toccare e aprire: a questi piccoli foglietti gli studenti e gli ospiti dell’Esercito della Salvezza hanno consegnato desideri, richieste di risarcimento, aspirazioni per non dover vivere di rimpianti. Ma i veri protagonisti sono alcuni ospiti dell’Esercito della Salvezza, che raccontano le loro storie in 11 autobiografie filmate e nei ritratti fotografici densi e sfuggenti realizzati da Federico Mozzano.

Inaugurazione 12 luglio 2012 ore 18.30

Sala Santa Rita
via Montanara (adiacenze piazza Campitelli).
Orario di apertura: Mar-Sab ore 11.00-19.00; chiuso domenica e lunedě.
Ingresso libero