STEN & LEX

Tra i 9 artisti di Roma Creativa dal 3 febbraio in mostra a Palazzo Valentini, sede della Provincia di Roma, per promuovere l’arte contemporanea

“Siamo stati un caso anomalo anche nell’immaginario che abbiamo proposto e proponiamo. Forse ai primordi abbiamo realizzato quelle icone Pop che accomunano la maggior parte degli stencilers ma ce ne siamo presto distaccati realizzando ritratti di persone anonime e figure prese dalla nostra cultura cristiana”. Con queste parole si definiscono Sten & Lex, pionieri dello “stencil graffiti” in Italia che iniziano la loro attività a Roma nel 2001 con i primi stencil raffiguranti icone dei b-movies come Bruce Lee, il Tenente Colombo, Dirty Harry per poi concentrare l’attenzione su volti anonimi: “abbiamo cominciato dieci anni fa quando ancora il concetto di street art non era ben chiaro come lo è oggi. Non avevamo un background da writers né da scuola di Belle Arti. Dal 2004 a oggi siamo cambiati. Ritagliare stencil è frustrante, non è un’arte istintiva. È tecnica, un’arte formale. Quello che stiamo cercando di fare in questi anni è rendere lo stencil un mezzo d’espressione, non una semplice tecnica. Lo stencil non è più il nostro unico mezzo e da qualche anno, sia per strada sia in galleria, realizziamo poster che ci piace vedere invecchiare. Non siamo più legati in maniera ossessiva alla tecnica quanto a quello che ci piace dire”. Nel corso della loro carriera Sten & Lex hanno partecipato a numerosi Festival internazionali tra cui il Can’s, organizzato da Banksy a Londra nel 2008 e il Nuart a Stavanger (Norvegia), e hanno realizzato poster e stencil in Francia, Spagna e in tutta Italia, da nord a sud: “la nostra produzione artistica è aumentata notevolmente grazie anche alla decisione di prendere in affitto uno studio a San Lorenzo, lo studio gallery OfftheStreet che condividiamo con Lucamaleonte e la pittrice Eugenia Lecca; è la nostra base operativa e per ora il luogo di riferimento per gli street artists internazionali come i già ospitati Above e l’Atlas”. Sten & Lex sono riconosciuti e apprezzati al livello internazionale per aver introdotto la mezzatinta (hole school) nella tecnica stencil: “chi, come noi, importa la street art e lo stencil in Italia viene visto come un eroe in patria. All’estero siamo molto apprezzati per aver introdotto la mezzatinta, qui in Italia siamo i pionieri dello stencil. Naturalmente la cosa ci fa piacere ma sappiamo che nell’arte i pionieri non esistono”. Per quanto riguarda Roma e, più in generale l’Italia, “il punto di forza e di debolezza di entrambe è che sono distaccate e lontane dal resto del mondo. E così, anche se il web accorcia le distanze, a Roma arriva tutto con ritardo e si fa una fatica spaventosa per emergere. Però, se riesci qui, riesci dappertutto. Dal punto di vista architettonico ci piacerebbe che tutto il nuovo che si continua a costruire, come i brutti palazzi usati solo come dormitori, venissero distrutti. Fosse per noi, bisognerebbe salvare solo l’antico e il decadente”.
www.flickr.com/photos/lex-art
www.flickr.com/photos/-sten

Lascia un commento