Romano Marini Dettina

Quello che davvero conta sapere è che Romano Marini Dettina è innanzitutto un grandissimo appassionato di nuove tecnologie. Fin dal conseguimento della laurea presso l’Accademia delle Arti e Nuove Tecnologie, Romano non ha mai smesso di trasferire questa passione nel suo lavoro. Artista poliedrico, ha collaborato come multimedia designer con le più grandi aziende italiane ed europee, oltre a incidere diversi album di musica elettronica ed esporre i suoi scatti alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Tra i suoi lavori più noti, spicca indubbiamente la realizzazione del famoso spot Enel nel 2010: un’impresa grandiosa che ha coinvolto più di 700 comparse, oltre a 4 mongolfiere illuminate da spettacolari giochi di luce e centinaia di lanterne volanti il tutto alle Terme di Caracalla a Roma. Nel 2009, e per tre anni consecutivi, progetta e porta in scena lo spettacolo teatrale “I Live You – Uomo immagine suono”, che riscuote un notevole successo di critica e pubblico. “Il mio lavoro viene dalla voglia di sperimentare e di comunicare attraverso le nuove tecnologie. Un mondo in continua evoluzione che offre spunti innovativi per creare racconti e suggestioni inusuali”. Proprio da questo intento nasce lo spettacolo “I Live You”; non una commedia, non un musical, ma un “rito multimediale”: uno show in cui, grazie all’impiego delle più moderne tecnologie, gli spettatori diventano parte attiva e integrante dell’intero spettacolo, al tempo stesso attori e registi di un mondo popolato da atmosfere oniriche e visionarie.
“Il punto di forza di ciò che faccio è sicuramente la condivisione dal vivo. Un concetto che ci rimanda ormai, sempre di più, a una vita sociale ‘virtuale’. Ciò che voglio valorizzare, invece, è la bellezza delle relazioni vere. Queste, possono diventare un pretesto per creare ‘arte’ attraverso performance collettive dal vivo”.
Le opere di Romano nascono così, come un mix di proiezioni video, giochi pirotecnici con Led e sorgenti luminose, per arrivare persino all’utilizzo di iPhone e iPad. Per (ri)scoprire il sorprendente risultato dell’interazione tra le abilità umane e le risorse offerte dalle nuove tecnologie: una vera e propria arte ‘due punto zero’.
“Il mio desiderio è condurre gli spettatori in una nuova realtà visiva, onirica e tecnologica. Il mio sogno? Organizzare a Roma una grande performance live a cielo aperto”.

www.romanomarinidettina.com

Lascia un commento