I Luoghi del Sentire

Località:                      Banari (SS)

Spazio:                        Chiesa della Madonna di Cea

Titolo:             I Luoghi del Sentire

Artista:                        Lughia

Curatore:                     Giuseppe Salerno

Inaugurazione:            domenica 7 ottobre 2018 ore 16.30

Patrocinio:                  Comune di Banari

 

Con il patrocinio del Comune di Banari domenica 7 ottobre alle ore 16.30 il sindaco Antonio Carboni ed il parroco Don Gerolamo Derosas presenzieranno, nell’area antistante la Chiesa campestre della Madonna di Cea, alla posa di un’opera donata a Banari dall’artista nuorese Lughia.

 

————–

 

Collocare in luoghi d’affezione una propria opera, più specificatamente una segnaletica verticale in tutto simile a quelle comunemente rivolte agli automobilisti, è il progetto cui Lughia, nota artista sarda di nascita e fabrianese d’adozione, ha dato il via lo scorso agosto presso la Casa degli Artisti al Furlo, residenza creativa marchigiana e parco di Land Art. Un’insegna tonda riproducente una figura femminile in meditazione accompagnata dalla scritta “AREA DI RISPETTO DEL SENTIRE” è l’opera con la quale Lughia sollecita silenzio e predisposizione all’ascolto in luoghi, magici, ricchi di suggestioni che hanno il potere di dare spazio all’emozione ed al pensiero.

Quattordici saranno i “Luoghi del Sentire” contemplati nel progetto e l’area circostante la Chiesa di Santa Maria di Cea nel Comune di Banari è il sito prescelto in Sardegna quale seconda tappa di questo percorso nel quale si identifica la spiritualità dell’artista. “Un luogo Banari ricco di antiche testimonianze e carico di memorie che ci trasportano ben oltre il visibile – sostiene Lughia – Un luogo dove storia e natura si fondono in scenari che invitano al recupero di ritmi dimenticati”.

Piccolo Comune a dimensione umana, Banari è da tempo conosciuto come “paese degli artisti” per le attività praticate con successo da alcuni suoi abitanti e per le tante iniziative che negli anni le hanno dato notorietà anche a livello internazionale. Ricordiamo la recente maxi-foto di gruppo che immortala l’intera comunità banarese.

Chiesa della Madonna di Cea

A pochi chilometri dall’abitato si trova sulla strada provinciale Banari-Ittiri e fu parte del cosiddetto insediamento monastico di Cea. Chiesa romanica del XII-XIII secolo può essere considerata di stile “primo lucchese”. Fornita sul fianco sinistro di Porta Santa, beneficiava dell’Indulgenza plenaria e nei secoli fu meta di pellegrinaggi.