Giulia D’Alberto

Giulia D’Alberto, classe 1974, già a 15 anni capisce che le sue passioni sono il disegno e la pittura. Mentre frequenta gli studi classici comincia a giocare a basket da professionista fino a conseguire il patentino di allievo allenatore con la Federazione italiana Pallacanestro. Nel 1994 si iscrive alla facoltà di Psicologia dell’Università La Sapienza, dove matura l’idea di dedicarsi al sociale. Si specializza in laboratori d’arte, sport e informatica, che diventano lo strumento attraverso il quale Giulia si confronta con il problema dell’autismo e trova nuove soluzioni all’integrazione delle disabilità. È un’ambientalista convinta, e si muove esclusivamente in bici: ne ha sei! Ogni tanto si diverte a ‘contaminarle’: le colora con una tecnica a cui si sta dedicando ultimamente, la serigrafia. “I colori sono sempre stati una mia grande passione. Da autodidatta ne ho sperimentati tantissimi”. Inoltre da piccola Giulia era una bambina dotata di un’ottima manualità, le è sempre piaciuto montare e smontare: l’approdo all’artigianato è stato per così dire una conseguenza naturale. E la ricerca costante di un’interazione armonica tra sperimentazione cromatica e studio della forme è diventata presto la sua cifra stilistica. “Nel corso degli anni ho cercato di capire i meccanismi della comunicazione visiva, attraverso varie tecniche, dalla pittura alla fotografia. Ora sto sperimentando le forme solide bidimensionali in legno e ho introdotto la profondità attraverso la sovrapposizione di forme e colori”. Giulia è tra i vincitori del Fondo per la Creatività, grazie al quale ha potuto dedicarsi alla realizzazione di prototipi artigianali in legno, ‘pannelli’ che sono uno sviluppo bidimensionale delle linee sperimentate su tela e in digitale. “Uso soprattutto materiale di riciclo. Il mio lavoro nasce per stimolare in chi guarda un sorriso e una riflessione. Voglio rendere i ‘consumatori’ consapevoli del fatto che è possibile acquistare a prezzo equo un manufatto italiano, originale e unico”. E soprattutto, ecologico.

WWW.LECOMARE.IT

Condividi!

Lascia un commento