Free Art Friday 2018: OPEN CALL

17 marzo l’artista inglese My Dog Sighs completerà un’opera sul muro esterno della struttura Nuovo Regina Margherita della ASL Roma 1. La realizzazione dell’opera è curata da Forgotten, un progetto nato dall’esigenza di valorizzare il patrimonio architettonico contemporaneo della città di Roma attraverso l’arte urbana. L’intervento di My Dog Sighs inaugura la seconda edizione puntando i riflettori su tutte quelle strutture ospedaliere che stanno subendo un processo di riconversione.

In onore dell’artista My Dog Sighs, Forgotten organizzerà il primo Free Art Friday – evento dal format internazionale, ideato dallo stesso artista britannico durante il quale i passanti si imbattono casualmente in opere d’arte gratuite, che possono portarsi a casa senza alcun costo. Artisti di tutto il mondo hanno partecipato al Free Art Friday lasciando gratuitamente le loro opere in strada per la soddisfazione di poter creare arte liberi dai paletti imposti dalle gallerie, per dare voce liberamente ad un’idea o ad un messaggio politico, o semplicemente per sorprendere e divertire i passanti.

Il primo Free Art Friday di Roma avrà luogo sabato 17 marzo 2018 e prevede l’installazione delle opere d’arte nelle strade e nei vicoli di Trastevere (zona San Cosimato) a partire dalle ore 17.00.

Gli artisti che vorranno partecipare possono iscriversi mediante il form online sul sito dedicato e presentarsi con l’opera sabato 17 marzo alle ore 15.00 davanti al murale in via Morosini, angolo via Roma Liberata. Uno degli organizzatori Forgotten sarà lì per la registrazione e per assegnare ai partecipanti un punto del quartiere dove installare la loro opera. L’opera può essere di qualsiasi tipo e genere (dipinti, installazioni, ceramiche, sculture, oggetti di artigianato, ecc…), gli unici requisiti sono:

  • che sia facilmente trasportabile
  • che non arrechi alcun danno allo spazio in cui sarà installata.

Maggiori dettagli su Forgottenproject.it.

Informazioni

Sito web: http://www.forgottenproject.it/

copyright: www.informagiovaniroma.it

Lascia un commento