FABRIZIO TERRANOVA e GABRIELE LEONARDI ILLUSIONETWORK

Progettazione e sviluppo di videogiochi, tecnologie 3d, architettura virtuale

Illusionetwork č una societŕ di progettazione e sviluppo di videogiochi di terza generazione, tecnologie per il 3D in tempo reale orientate alla realtŕ virtuale, web engineering, progettazione grafica 2D/3D e architettura virtuale, fondata nel 2005 da Fabrizio Terranova, attuale amministratore delegato e veterano del settore gaming, e Gabriele Leonardi la vera anima legata alla progettazione architettonica virtuale e all’event design. “Illusionetwork č una societŕ giovane che vanta giŕ traguardi importanti raggiunti negli ultimi tempi”. Alla fine del 2009 č stato lanciato Voyager “una delle punte di diamante di Illusionetwork che vedrŕ la sua massima espansione durante tutto il 2010”. Ha vinto il primo premio allo Smau di Milano 2009 come applicazione piů innovativa, suscitando enorme interesse non solo tra i finanziatori, ma anche nel pubblico, sia quello degli utenti sia quello istituzionale. “Si prospettano collaborazioni proficue e di considerevole entitŕ che porteranno alla creazione di nuovi posti di lavoro per sviluppatori di talento che abbiano voglia di lavorare in un team fortemente creativo. Voyager Illusionetwork sta per segnare un cambiamento epocale nel modo di fruire contenuti storico artistici, rivoluzionando drasticamente la forma di interazione con l’arte e la cultura storico archeologica”. Una realtŕ che punta fortemente a innovare e allargare il proprio network. “Per quanto riguarda il territorio ci piacerebbe che Voyager potesse diventare uno strumento quotidiano a disposizione di tutti per poter godere in modo nuovo dell’immensa ricchezza che questa cittŕ possiede. Ci auguriamo che Roma diventi una capitale del mondo culturale non solo per le sue tradizioni e la sua cultura millenaria, ma anche per la sua capacitŕ di essere al passo con i tempi. Capace di far rivivere il suo glorioso passato attraverso gli strumenti del futuro aprendo di fatto la strada a un cambiamento epocale della sua evoluzione culturale troppo spesso legata, sia nel passato sia nel presente, a una vecchia mentalitŕ che non trova piů riscontri nel periodo storico in cui viviamo. Speriamo davvero che la Roma che abbiamo immaginato, noi sognatori e visionari, possa divenire quella cittŕ invidiata e ammirata da chi in questo momento si vanta di rappresentare il futuro della tecnologia, dell’innovazione e della creativitŕ”. Da dove si potrebbe partire? “Sicuramente dall’abbattimento di quegli ostacoli che ancora esistono tra burocrazia ed evoluzione creativa e tecnologica, aprendo di fatto una forma di comunicazione reale tra chi innova e chi amministra. Le aziende che innovano e investono sono la linfa vitale di qualsiasi economia e per questo vanno aiutate e supportate con iniziative che siano costruttive e concrete”.
www.illusionetwork.com

Lascia un commento