BANSKY TERRORISTA DELL’ARTE

Le opere del writer piů famoso di tutti i tempiraccontate nel primo libro italiano di Sabina de Gregori, edito da Castelvecchi

Da oggi potremmo saperne un po’ di piů su Banksy, l’artista che sta incuriosendo il mondo. Le opere del writer piů famoso di tutti i tempi, sono raccontate nel primo libro italiano: “Banksy il terrorista dell’arte” di Sabina de Gregori, edito da Castelvecchi.

Dell’artista, dall’identitŕ sconosciuta, si sa ben poco, cresciuto a Bristol, si trasferisce nei primi anni del 2000 a Londra, dove comincia a far parlare di se raffigurando topi e animando i muri della cittŕ con personaggi sarcastici e provocatori.

Il Banksy effect , come lo definisce la stampa, diventa fenomeno internazionale di provocazione contro il sistema, il potere e il consumismo. Le sue opere, apparse ovunque, diventano il linguaggio della cittŕ e lo specchio di una realtŕ sempre piů mutevole.

Ma Banksy non si č fermato ai muri, ha infranto i confini facendo incursioni nei musei, negli zoo, nelle gallerie e nei negozi di tutti il mondo. I suoi stencil hanno conquistato lo star system, le sue opere vengono vendute per migliaia di euro, la stampa lo acclama ma lui mantiene e difende l’anonimato.

Dalla stessa autrice, ormai best seller, e sempre edito da Castelvecchi, č uscito: “Shepard Fairey in arte Obey”. la prima opera italiana, dedicata all’artista della Poster art.

La sua piů ammirata opera d’arte, č dedicata ad una delle persone piů importanti dei nostri tempi, il Presidente degli Stati Uniti d’America Barack Obama, diventando un’icona tanto celebre, quanto la Monna Lisa di Leonardo Da Vinci o la Marilyn di Andy Warhol. L’opera rappresenta il volto del Presidente Obama, virato nei colori rosso e blu e accompagnato dalla scritta “hope” ,il quale ha voluto, ringraziare personalmente, tramite carta e penna, l’artista del sud Carolina.

Ma la notorietŕ č qualcosa che Obey ha costruito negli anni e fin dai tempi del college, quando tappezzava le metropoli americane con adesivi raffiguranti il volto del wrestler Andrč the Giant.

Con gli anni, dŕ voce attraverso i suoi poster, al suo spirito non belligerante, realizzando una serie di manifesti di stampo pacifista. Il suo stile inconfondibile e la sua grafica, diventano lo specchio di tendenze ed eventi attuali e sociali che attanagliano un mondo sempre piů globalizzato.

www.999gallery.com

Lascia un commento