Audiomotive

Nato a Roma nel 1977, Valerio Galli è polistrumentista e dj. La sua passione per la musica incontra quella per la comunicazione quando, nel 1999, collabora con un’etichetta discografica svolgendo il ruolo di consulente creativo e A&R manager: una specie di talent scout che fa da tramite tra l’artista e l’etichetta. Ma è con Audiomotive, attività che Valerio apre nel 2011, che musica e comunicazione trovano una sintonia ancora maggiore e diventano impresa. “L’obiettivo – spiega Valerio  – è quello di sviluppare un linguaggio che possa ‘arrivare’ a tutti ma, allo stesso tempo, tenga conto dello sviluppo culturale. Un aspetto, quest’ultimo, messo troppe volte in secondo piano”. RomaProvinciaCreativa  ha sostenuto il progetto “Radio Shopping” presentato per il bando Creatività Digitale nel 2011. “Radio shopping” è una shared radio, ovvero un’emittente condivisa da una rete di attività commerciali. Quella di Valerio Galli  però, per usare le sue parole “è principalmente una sfida: rendere un servizio fino a oggi ritenuto ‘di lusso’, alla portata del ‘piccolo’, cercando di mantenerne lo stesso livello qualitativo”. Per servizio ‘di lusso’ il titolare di Audiomotive  intende lo spazio radiofonico che un’attività commerciale di piccole dimensioni acquista per farsi pubblicità. “Radio shopping” abbatte i costi sviluppando una strategia comunicativa grazie alla quale il messaggio pubblicitario “non disperde risorse cercando di parlare a tutti – spiega Valerio  – ma si rivolge direttamente alle persone che possono trovare utile quel messaggi”. L’idea parte dal presupposto secondo cui il risparmio per il consumatore è sì economico, ma anche di tempo. Va da sé che in una grande città si tenderà a concentrare gli acquisti abituali in un raggio d’azione circoscritto. Dunque, se il cliente di un negozio ascolta la pubblicità di un’attività commerciale a pochi passi da lui, è probabile che sia invogliato a conoscerla meglio. “I negozianti che scelgono di abbonarsi al network ‘Radio shopping’ riceveranno all’interno dei propri locali, il segnale radio personalizzato. La composizione dei network è studiata per assicurare la presenza di un solo inserzionista per tipologia, al fine di ottimizzare al massimo l’offerta. L’interazione tra diversi tipi di attività fornisce un servizio più completo ai clienti di ciascun esercizio coinvolto. L’impressione sarà quella di trovarsi all’interno di un vero e proprio centro commerciale, sebbene virtuale”.

Condividi!

Lascia un commento