FESTIVAL CINEMATOGRAFICO ‘C’E’ UN TEMPO PER…L’INTEGRAZIONE’, BANDO 2019

È indetta la 13a edizione del Festival cinematografico “C’è un tempo per… l’integrazione” che si terrà a Bergamo e Sarnico (BG) dal 9 al 13 APRILE 2019.

Il Festival, promosso dalla Cooperativa Ruah in collaborazione con Lab 80 film e una rete di altri soggetti sostenitori, si propone come momento di incontro per la presentazione e promozione di film e video di ogni nazionalità e genere che affrontino i temi dell’integrazione tra persone, famiglie, popolazioni di diversa appartenenza culturale e provenienza nazionale.

Il Festival riserva particolare attenzione alle cinematografie emergenti, ai giovani cineasti e agli autori indipendenti.

Il festival di Cortometraggi “C’è un tempo per … l’integrazione” è nato nel 2007 come naturale prosecuzione di una precedente rassegna che aveva mosso i primi passi nel 2002 tra i 12 comuni dell’ambito del Basso Sebino, periferia est della provincia di Bergamo.

Così si esprimeva il comunicato emesso dagli enti organizzatori e patrocinatori dell’iniziativa (guidati dalla coop. Interculturando) nel 2007 quando vide la luce la prima edizione:  – Si sta sempre più diffondendo l’usanza di documentare e/o raccontare storie di migrazioni e di integrazione attraverso lo strumento cinematografico, in particolare quello “corto”. Di questo strumento molto adatto per stimolare riflessioni e pensieri sulla realtà dell’immigrazione, di chi emigra e di chi accoglie (in quanto, attraverso l’immagine, viene stimolato anche l’aspetto emotivo) il territorio del Basso Sebino ha già esperienza, viste le cinque edizioni in formato “rassegna” già realizzate negli anni 2002-2006 all’interno del cartellone di iniziative denominata “C’È UN TEMPO PER…” –

Possono essere iscritti film che:

  • documentino aspetti e avvenimenti positivi della realtà in mutamento, sempre più multiculturale, multi linguistica e multi religiosa, nonché le iniziative volte ad aumentare la conoscenza delle buone pratiche ad essa connesse in tal senso;
  • raccontino esperienze di convivenza possibile perché aperta al dialogo, al confronto reciproco, allo scambio e non timorosa nell’affrontare conflitti;
  • rappresentino modalità virtuose di inclusione, socializzazione e interazione interculturale.

Il programma del Festival “C’è un tempo per… l’integrazione” si articola nelle seguenti sezioni:

  • Concorso internazionale per documentari della durata massima di 52 minuti.
  • Concorso internazionale per opere di finzione di ogni genere della durata massima di 20 minuti.

I registi hanno tempo fino al 28 febbraio per proporre ai selezionatori del Festival i propri lavori.

Sono ammesse opere terminate dopo il 1 gennaio 2017. Possono partecipare opere già presentate in altri festival nazionali e internazionali. Non sono ammesse alla selezione le opere già iscritte alle precedenti edizioni del Festival “C’è un tempo per… l’integrazione”.

Gli autori e/o i produttori delle opere ammesse come di quelle escluse saranno informati entro la fine di MARZO 2019.

Le info complete su http://www.untempoper.com/bando/

Condividi!

I commenti sono chiusi.