Opera

Opera snc nasce con uno scopo preciso: fornire a persone affette da varie disabilità strumenti adeguati attraverso i quali esprimere al meglio la propria creatività, in totale libertà e autonomia. Il progetto nasce dalla collaborazione tra Mario Marano (logopedista ed esperto nel campo della riabilitazione) e Giulio Pernice (nella foto), specialista di interaction design e nuove tecnologie interattive. Negli anni progettano e realizzano molteplici installazioni e sistemi interattivi, con i quali partecipano a mostre nazionali e internazionali, tra le quali “Opera house” (Malta, 2009), “Variazioni Magenta” (Magenta, 2009), “EXPO – Padiglione Italia” (Shanghai, 2010) e “Geografe Italiane – MAXXI” (Roma, 2010). Nel 2011 brevettano “Vivace”, innovativo strumento di riabilitazione musicoterapeutica per disabili. “La nostra impresa – dicono Marano e Pernice – vuole essere intrinsecamente innovativa proprio perché attraverso le nuove tecnologie intendiamo progettare e realizzare nuove modalità con le quali ognuno possa esprimere liberamente la propria creatività, e in particolare ci rivolgiamo ai disabili, cioè a quelle persone che, per diversi motivi, hanno difficoltà con gli strumenti tradizionali”. È questo l’obiettivo dichiarato di Opera, un progetto nato dall’incontro spontaneo tra il mondo della tecnologia applicata con le moderne tecniche di riabilitazione motoria e cognitiva. Per i fondatori di Opera, al centro del progresso scientifico e sociale deve essere posta l’inventiva, declinata in ogni sua forma: l’accesso alla produzione artistica (intesa come possibilità di esprimersi creativamente attraverso la disponibilità di strumenti adeguati alle più diverse esigenze) è allo stesso tempo il motore e lo scopo della realizzazione dei progetti di Opera, il cui manifesto d’intenti, nelle parole dei fondatori, è proprio quello di “legare la creatività a una forte capacità progettuale, con lo scopo di realizzare prodotti funzionali e moderni”. Opera guarda perciò a tutte le aziende del settore tecnologico, del design e del settore medicoriabilitativo, realtà con le quali collaborare “per rendere – concludono i due protagonisti – la nostra provincia all’avanguardia nel settore dell’interattività e dell’innovazione”.

www.operacreativa.com

Condividi!

Lascia un commento