Flowers for Lovers di Flavia Dodi

Flowers for Lovers
Flavia Dodi
Mostra a cura di Togaci
Progetto comunicativo: Emanuela De Luca
special guest : DDR-R DJ
DJ LIVE  SET
L’arte di Flavia Dodi muove da un’impostazione geometrica e progettuale tipica dell’architetto, che tende a misurare i volumi e studiare le forme collocandole in modo ineccepibile all’interno di una scena definita in ogni sua parte. La ricerca interiore dell’artista, durante la sua prima produzione, segue percorsi lineari, sottoforma di freddi edifici di dechiricana memoria. Scenari metafisici sembrano evocare progetti in autocad, dove, apparentemente, il distacco emotivo è la caratteristica preponderante. Tuttavia, per lo spirito non esistono contraddizioni, ma trasformazioni e sviluppi; mutare una direzione in arte non significa rinnegare tutto il passato, bensì allargarlo fino a compenetrarlo con un altro concetto estetico, scoprire nuovi rapporti ignoti, aprir meglio gli occhi per comprendere una somma maggiore di realtà. (C. Carrà, 1942)
Nell’ultimo anno Flavia ha aperto gli occhi, iniziando ad osservare in maniera diversa la realtà circostante, liberandosi dalla rigidità degli schemi imposti. L’attenzione verso la materia non è più plastica né geometrica. Luce, colori e variazioni tonali, prendono il posto delle ordinate forme geometriche, guardando alla natura e alla sua costante imperfezione.
Lo spazio non è più costruito scientificamente, ma prende forma dal colore, abbandonando la dimensione metafisica in favore di una personalissima forma di espressionismo, attraverso la quale lo spirito si ribella alla materia.
In Flowers for Lovers, l’artista compie un ulteriore passo avanti, misurandosi con le variazioni dei grigi, riuscendo a dar corpo alle immagini floreali attraverso piccole sfumature tonali in una perfetta alternanza tra toni caldi e freddi.
Le grandi dimensioni delle tele compiono l’ultimo passo verso un’arte liberata. I volumi ponderati e geometrici creati dall’uomo nel tentativo di modellare la realtà circostante sono solo un lontano ricordo.
L’opera diventa una celebrazione della natura libera ed indomabile, tanto da poter soggiogare l’uomo con le sue enormi proporzioni.

Flavia Dodi si laurea in architettura presso la facoltà “Valle Giulia” dell’Università La Sapienza di Roma, con il prof Franco Purini.
Partecipa a varie esposizioni, tra quelle personali la mostra “LABIRINTI”; con il patrocinio della Provincia di Roma, nel 2011. Tra le collettive: “DISEGNI ROMANI”; a cura di Franco Purini, Fabrizio Ronconi, Gianfranco Toso; presso Gangemi Editore a Roma, in ottobre 2012 e, la stessa mostra a dicembre 2012 si sposta  presso il  Museo della tecnica elettrica a Pavia, organizzata dal  DICAR (Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura); “GIANICOLENSE 420”; a cura di Shara Wasserman; presso Temple University di Roma nel 2012.
Nel 2010 partecipa al premio Combat e viene inserita in catalogo tra le opere segnalate dalla giuria.
Attualmente vive e lavora a Roma.
flaviadodi@alice.it
www.flaviadodi.eu
http://flaviadodi.blogspot.it/

Flowers for Lovers

Dal 19 Aprile 2013 AL 9 Maggio 2013

ore 19.30 

Mostra a cura di Togaci

Progetto comunicativo: Emanuela De Luca

Presso HulaHoop Gallery

Via de magistris.91/93

Roma