ANTOLOGICA

Una mostra che intende presentare la collezione privata e opere inedite degli artisti della Galleria RGB46 nel cuore del quartiere Testaccio

Dal 4 al 31 marzo alla Galleria RGB46, Piazza Santa Maria Liberatrice 46, aperta al pubblico Antologica, lesposizione collettiva degli artisti della galleria a cura di Alessandro Gorla . Una mostra che presenter non solo la collezione privata della galleriama anche opere inedite di artisti gi attivi e noti sul territorio romano contemporaneo. Da DolceQ a Jonathan Pannacci, dallo studio Arturo a Bol23, saranno diversi i nomi che partecipano, tra cui ricordiamo: Etnic, Marco Rea, Tommaso Garavini, Samantha Marenzi, Dario Gracceva, Francesco Alesi, Alessio Fralleone, Pasquale Santoro, Giovanna Martinelli, Mr. Klevra, Alessandro Gorla, Maurizio Gracceva, Federico Marcoaldi, Alessandro Fornaci, Frank Martinangeli e Luan Scaringella.
www.rgb46.it

DONNE E EDITORIA

Una rassegna dedicata alle donne. Obbiettivo Donna la manifestazione annuale dedicata alluniverso fotografico visto e vissuto al femminile che questanno si svolge dal 25 febbraio al 26 marzo.

Fotografia e editoria il tema centrale che la rassegna Obbiettivo Donna propone per questa sesta edizione. Associato al mondo femminile le tematiche presentate porteranno presentazioni editoriali, workshop e incontri che saranno scandite nel corso di un mese (dal 25 febbraio al 26 marzo). Spunti, riflessioni e nuove tendenze sulla fotografia e leditoria in Italia saranno trattate lungo lintero calendario in programma. Ad esempio il 17 marzo lincontro con alcune rappresentanti delle associazioni: Donne di Carta, Obiettivo Granieri, 3/3 e Camera 21 cui parteciper, da moderatrice, Alessandra Mauro (direttore editoriale Contrasto). Inoltre, saranno in mostra le opere di tre autrici, unite dal filo rosso del ritratto: Paola De Grenet, Penny Klepuszewska e Anna Di Prospero. A marzo seguir il workshop ispirato a The Daily Exhaustion con lolandese Anouk Kruithof per realizzare con i partecipanti una serie di newspapers che verranno esposti. Incontro con le fondatrici della casa editrice Alauda Publications, con Esther Krop e Ingrid Commandeur che ripercorreranno la storia e la loro esperienza nel campo della piccola e media editoria nordeuropea. La Manifestazione si concluder con la presentazione del progetto collettivo Desperate Housewives, a cura di Camera21, cui hanno partecipato anche fotografe non professioniste. Il progetto gemellato con gli scatti Una, Nessuna, Centomila, una mostra organizzata dal collettivo Donne Fotoreporter, cui ha preso parte anche Giovanna Calvenzi con un inedito lavoro sulle casalinghe milanesi negli anni 70. La manifestazione, ideata e prodotta da Officine Fotografiche in collaborazione con 3/3, promossa dalla Provincia di Roma, patrocinata dalla Regione Lazio, dallAssessorato alle Politiche Culturali delle Pari Opportunit del Municipio XI del Comune di Roma.
www.obbiettivodonna.net
www.treterzi.org

VITA DA DESIGNER

Alla Sapienza di Roma larchitetto e designer italiano Fabio Novembre con la lecture Il Design Spiegato a Mia Madre

Ospite allUniversit Sapienza di Roma Fabio Novembre, il noto architetto e designer italiano, incontra gli studenti per parlare di un mestiere, quello di chi fa design, e provare a spiegarlo come se chi si trovasse di fronte a noi fosse la propria madre. Una open lecture che fa tappa a Roma, dopo Milano e Venezia, gioved 24 Febbraio alle ore 16.30 presso l’Aula Magna della Facolt di Architettura Valle Giulia dell’universit. Design e architettura, vita e progetto sono aspetti in continua contaminazione e si offrono come soggetti ideali per questa conferenza trasversale che indaga a 360 il metodo Novembre, che esemplifica Quello che faccio appartiene alla categoria dei mestieri difficili da spiegare ai propri genitori. Quando lasciai casa dei miei per venire a studiare a Milano, era facile tradurre la mia condizione in Iscritto al Politecnico di Milano presso la Facolt di Architettura, anche se poi avrei capito che fare larchitetto non sarebbe stato un mestiere ma un approccio alla vita. Devo ammettere che difficile spiegare a mia madre perch disegno un tavolo con centosettantuno gambe o il mio amico Maarten Baas brucia vecchie sedie prima di usarle. Far coincidere la forma con la funzione era un ottimo alibi finch sono stati chiari i termini della questione, ma chi di noi oggi in grado digiustificare un iPod?.

NUOVE TECNOLOGIE E CREATIVIT

Roma e Provincia hanno una significativa concentrazione di competenze e anche una importante tradizione di formazione e scoperte scientifiche che risale indietro nei tempi. Come non ricordare il think-tank dei gesuiti che dal Collegio Romano irradiava conoscenza in tutto il mondo, innovava nel campo della matematica e astronomia ma concepiva anche le prime camere delle meraviglie (Wunderkammern) dai cui sarebbero nati i musei moderni. Oppure, le grandi scuole di fisica, botanica, medicina, musica, nate a Roma. Ancora oggi la Regione Lazio tra le prime regioni italiane per spesa nelle tecnologie innovative e Roma , da tempo, la capitale italiana del cinema e dellaudiovisivo, per fatturato, numero di imprese, film prodotti e spettatori. Pertanto larea che meglio caratterizza la parte innovativa delleconomia romana certamente quella delle tecnologie digitali nelle loro varie declinazioni: software applicativo, new media, supporto ad applicazioni satellitari. Il settore del digitale – grazie anche alla tumultuosa rivoluzione delle sue tecnologie – sta infatti trasformandosi in maniera radicale: i contenuti tendono sempre pi frequentemente a digitalizzarsi, rendendo possibili straordinarie manipolazioni e trasformazioni, oltre che la combinazione di materiali un tempo incompatibili. Infatti le nuove tecnologie:

– consentono contaminazioni fra contenuti darchivio e nuove informazioni digitali. Prodotti come la docu-fiction sono esempi di questo filone;

– possono personalizzare i contenuti in funzione del tipo di spettatore e consentono uninterazione adattando i percorsi narrativi alle scelte (oltrech alle caratteristiche) di chi li vede;

– possono essere riutilizzate e ricontestualizzate dagli stessi utenti, dentro nuovi format o su nuovi device;

– consentono la produzione di contenuti artificiali verosimili che rendono possibili nuove forme di simulazione (o descrizione) della realt;

– consentono una vera e propria immersivit dello spettatore nei contenuti rappresentati che pu addirittura potenziare le sue capacit sensoriali, creando quella che viene chiamata iper-realt (si pensi ad esempio alla capacit di amplificare le immagini per osservare particolari non visibili a occhio nudo o a alle visioni notturne rese possibili con occhiali agli infrarosssi);

– creano un continuum fra i contenuti tradizionali e la luce che – da semplice strumento di illuminazione – si trasforma in sfondo o contenuto (il film proiettato), contribuendo addirittura a completare o restaurare particolari o colori di antichi reperti archeologici, come nel caso recente de lilluminazione-restauro della colonna di Traiano o dellAra Pacis. Per potere utilizzare queste nuove funzionalit occorrono innanzitutto notevoli competenze tecniche: linguaggi di programmazione, protocolli di comunicazione, algoritmi per la modellazione degli effetti di illuminazione, driver per controllare periferiche specifiche. Inoltre necessaria una nuova sensibilit che potremmo definire umanistica che fa in modo che i contenuti arrivino alla testa e al cuore dello spettatore, dialogando sia con la dimensione cognitiva sia con quella emozionale. Infine va posseduta una dimestichezza con la dimensione spaziale e corporea. Sempre pi frequentemente questi contenuti richiedono allutente interazioni fisiche e delimitano gli spazi in cui gli spettatori si possono muovere, fondendo la realt virtuale con quella materiale. Queste competenze caratterizzano – di fatto – lidentikit di molte aziende innovative che operano in questo ambito soprattutto nella Provincia di Roma, grazie anche alla grande concentrazione di competenze sullaudiovisivo (resa possibile dallesistenza di importanti realt come Rai, La 7, Tim, Cinecitt, Centro sperimentale di cinematografia ecc…) e grazie alla presenza di un pubblico attento e curioso che contribuisce ad alimentare la domanda innovativa. C poi un flusso interminabile di turisti che richiede continuamente nuovi strumenti digitali per meglio comprendere (grazie a commenti, ricostruzioni, simulazioni) le bellezze del patrimonio artistico romano, note in tutto il mondo. Anche la presenza della ricerca scientifica in questo ambito gioca un ruolo fondamentale. Le sedi – non solo di governo – del Cnr e dellEnea e la presenza di molti atenei con notevoli competenze nel settore (una per tutte la Sapienza con il suo Cattid – centro per le applicazioni della TV e delle tecniche della formazione a distanza) garantiscono una generazione continua di competenze e idee. Anche alcuni organismi ministeriali – come ad esempio DigitPa – hanno al loro interno eccellenze tecnologiche e laboratori di sperimentazione per suggerire e testare soluzioni altamente innovative. Non mancano le iniziative di governance – come per esempio il Consorzio Roma Ricerche – che servono a rendere pi efficace la cinghia di trasmissione fra i risultati prodotti dal mondo della ricerca e il loro utilizzo da parte del mondo delle imprese. I settori portanti che alimentano – a Roma – linnovazione delle tecnologie digitali sono sostanzialmente quattro: il settore ICT tradizionale, il settore dei media, i beni culturali e turismo e laerospazio. In tutti questi contesti operano aziende leader a livello nazionale e soprattutto il territorio diviene un vero e proprio laboratorio a cielo aperto per sperimentare – in vivo – nuove soluzioni tecnologiche. Nel settore ICT pi tradizionale – legato cio agli algoritmi software, alle piattaforme tecnologiche, ai sistemi applicativi – operano alcuni dei pi grandi player nazionali, che hanno anche reso possibile lo sviluppo di un vero e proprio ecosistema di piccole aziende tecnologiche estremamente innovative. Nel caso dellaerospazio, la presenza del gruppo Finmeccanica, del Distretto tecnologico dellaerospazio e dellAgenzia Spaziale Italiana ha consentito di creare elementi fortemente qualificanti. Si pensi ad esempio al Galileo Test Range, il cui obiettivo la realizzazione, mediante infrastrutture terrestri, di un ambiente di test in grado di generare i segnali Galileo (generati dal sistema di navigazione satellitare europeo), simulandone anche gli effetti dovuti alla propagazione, in maniera equivalente alla trasmissione reale da parte dei satelliti in orbita. LItalia – con questo laboratorio – stato il primo Paese ad avviare la creazione di una struttura di sperimentazione e sviluppo delle potenzialit, delle applicazioni e dei servizi legati al futuro sistema di navigazione satellitare europeo. Nel mondo della comunicazione, la straordinaria evoluzione del settore ha creato nuovi media (si pensi ai terminali mobili, ai totem cittadini, alle TV a circuito chiuso per i mezzi pubblici, ai car navigator…) e ha fuso contenuti e format un tempo nettamente separati (documentaristica, fiction, pubblicit, giochi) creando nuovi prodotti e nuove aziende che li concepiscono, li realizzano e li portano sul mercato. Infine, sul versante dei Beni Culturali e del Turismo, la citt uno dei luoghi pi conosciuti al mondo e con uno dei cuori pi antichi. La dimensione archeologica cos diffusa una sfida straordinaria per le tecnologie. Gli edifici artistici possono anche essere semplicemente commentati, ma le tracce archeologiche vanno anche ricostruite e contestualizzate, e Roma – da questo punto di vista – unica al mondo per diffusione e ricchezza di tali reperti. Oltretutto la presenza in citt – oltre alla Sovraintendenza del Comune – sia del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, sia della Pontificia Commissione per i Beni Culturali della Chiesa crea una straordinaria e unica occasione di committenza per la realizzazione di sistemi di avanguardia. Ma le tecnologie digitali a Roma non si utilizzano solo per rileggere e (ri)dare vita agli antichi fasti. Iniziative recenti come Digital Life – organizzato dalla Fondazione Romaeuropa nel nuovo spazio de La Pelanda – hanno messo in mostra i nuovi prodotti culturali, come gli ambienti immersivi 3D da esplorare con i cinque sensi: vere e proprie magie tecnologiche e visioni da sogno concepite e realizzate da artisti bricoleur tecnologici internazionali del calibro di Ryuichi Sakamoto, Shiro Takatani e Jeffrey Shaw. Oppure ancora il progetto Shockart – nato nel 1999, diventato anche spazio digitale (www.shockart.net) affermatosi come uno dei pi importanti punti di riferimento culturale per la valorizzazione e la divulgazione dellarte digitale e della web art. Questo lo spaccato di una provincia – quella di Roma – che ben lungi dal riposare sugli allori di un glorioso passato, affronta il futuro nei suoi aspetti pi innovativi e intriganti.