Dall’Agricoltura alla salute – convegno

Il 10 maggio alle ore 17:00, nella Sala Gregorio XIII di Villa Mondragone,  a Monte Porzio Catone, si terrà il Convegno “Economia Circolare e Integrata della Catena Alimentare: dall’Agricoltura alla Salute” organizzato dal GAL Castelli Romani e Monti Prenestini in collaborazione con la Città Metropolitana di Roma Capitale.

Un’occasione di approfondimento sulla relazione tra agricoltura sostenibile, salute  dell’uomo e ambiente.

Modera: Stefano Bertuzzi – Presidente GAL Castelli Romani e Monti Prenestini

Interverranno: Antonino De Lorenzo – Direttore Dipartimento di Biomedicina e Prevenzione Università degli Studi di Roma “Tor Vergata “, Narciso Mostarda – Direttore Generale ASL Roma 6, Gianluigi Peduto – Presidente Parco Regionale Castelli Romani ,  CNA Roma Castelli,  Condotta Slow Food Frascati e Terre Tuscolane,  Rete di Impresa Filiera Turistica Eno-gastronomica Castelli Romani

Guerra ai Poveri| Tano D’amico

Guerra ai poveri, inediti di Tano D’Amico, mostra fotografica.
A cura di Gabriele Agostini.

Il Centro Sperimentale di Fotografia
ospiterà presso i propri spazi espositivi,
dal 11 maggio al 7 giugno la mostra fotografica di
Tano D’Amico, GUERRA AI POVERI.

Nei suoi attraversamenti randagi, il poeta della fotografia, incontra il mondo degli esclusi, degli ultimi, dei senza parola, degli umiliati ed offesi. Con il consueto linguaggio a cui ci ha abituato, intriso di lirismo poetico e graffiante realtà, il fotografo, che sa di operare in un mondo sempre meno illuminato e, per questo prigioniero dell’asprezza della desolazione, ci racconta che un altrove di riscatto è ancora possibile.

Che la bellezza, la dignità, si trovano nell’uomo, nella sua consapevolezza di appartenere ad una storia collettiva, nella pratica del conflitto, nell’essere alterità ad un sistema votato a produrre povertà, marginalità e sofferenza dei più in cambio dell’ arricchimento e del potere dei pochi.

Foto di rara bellezza, queste, con il consueto bianco e nero catramoso, ci raccontano la storia di un’umanità e una moltitudine ancora in cammino nella storia, nonostante tutto.

Inaugurazione 11 maggio 2019 ore 18,00
dal 11 maggio 2019- 7 giugno 2019

La mostra sarà visitabile dal lunedì al venerdì dalle 16,00 alle 20,00 con appuntamento
Il sabato dalle 11,00 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 19,00

Centro sperimentale di Fotografia Adams
– Via Biagio Pallai 12 Roma
Infoline: 338.578.5977 – 06.53.44.428

http://www.csfadams.it/novit%C3%A0/guerra-ai-poveri-tano-damico

 

incontri e appropriazioni

Località:                               Sassoferrato

Spazio:                  Ex Palazzo della Pretura

Indirizzo:                             Via Giuseppe Garibaldi 18

Periodo:                                27 aprile – 2 giugno 2019

Orario:                                  sabato, domenica e festivi 15.30 – 18.30

Titolo:                                   incontri e appropriazioni

Artisti:                                   Rossella Baldecchi / Domenico Asmone, Toni Bellucci / Omero Angerame, Massimo Bardelli / Bruno Cristallini, Angelisa Bertoloni / Lauretta Barcaroli, Arnhild Kart / Rita Albertini, Lughia / Caterina Prato

Curatore:                              Giuseppe Salerno

Patrocini:                              Comune di Sassoferrato

Testi in catalogo:                Guido Buffoni, Giuseppe Salerno

Inaugurazione:                    sabato 27 aprile ore 17.30

 

 

 

Sei coppie di artisti espongono opere sorprendenti, generate da un progetto curatoriale che mette al centro l’incontro di poetiche e modalità espressive nell’osservanza di un processo realizzativo predefinito.

 

——————

 

Quando nel settembre 2009 presentai per la prima volta “Sopraffactions”, si avviò un percorso incentrato sulla relazione tra artisti che negli anni ne vide coinvolti molti in varie regioni italiane.

Fu la galleria Monty & Company di Roma ad ospitare per prima le opere di Luigi Ballarin, Gerardo Di Salvatore e Lughia che realizzarono ciascuno quattro tele nel formato 100×100, se le scambiarono e intervennero liberamente su di esse sino a renderle opere proprie.

Non lavori a quattro mani ma elaborati attinenti esclusivamente all’artista che, secondo, perpetrò su di essi vere e proprie sopraffazioni.

Il progetto rendeva con l’arte una metafora del quotidiano dove nulla si crea, tutto si trasforma e dove ogni intervento umano è un agire sul preesistente. Così persino la sacralità di un’arte intoccabile, cui da sempre l’uomo ha affidato la propria aspirazione all’immortalità, fu violata da artisti che cedettero ad altri artisti le proprie opere con la coscienza che non sarebbero state più proprie e non sarebbero state più le stesse.

Un agire con sofferenza, ma terapeutico, per i diciotto artisti che intervennero sull’opera altrui mentre accondiscendevano a che altri intervenissero sulla propria. Un processo che nel superamento di antichi luoghi comuni volle essere un contributo alla crescita di una coscienza diversa.

Altre “Sopraffactions” seguirono a Fabriano, Cosenza, Salerno, Viterbo e Matera dove il progetto giunse a conclusione nel 2012 con l’esposizione di 72 opere di 18 artisti.

L’esperienza di quegli anni ebbe un seguito nel giugno 2017 con “Dissolvenze Incrociate”, avventura che prende le mosse da Villa Graziani di San Giustino per essere riproposta nel Complesso San Benedetto di Fabriano e poi a Palazzo di Primavera a Terni.

Ventuno sono gli artisti invitati ai quali viene chiesto di scegliere un proprio partner.

Mutuando dal cinema il meccanismo che vuole un’immagine dissolversi lentamente mentre una nuova ne compare, alle ventuno coppie di artisti è stato chiesto di produrre un tale effetto attraverso la realizzazione di quattro tele la cui sequenza potesse rendere il passaggio dalla poetica e dalle modalità di un artista a quelle dell’altro.

Ancora una volta un incontro tra mondi diversi che nelle due tavole centrali trovano un momento di sovrapposizione e di fusione.

Con regole e processi prefissati in quarantadue hanno accettato di uscire dall’isolamento e di muoversi all’interno di costrizioni nel mentre che si faceva strada e cresceva il piacere dell’interazione e del confronto.

Quello praticato è un percorso che, incentrato sulla relazione tra artisti, avvicina sempre più l’arte alla vita. Se è vero che gli artisti hanno fatto della propria individualità una bandiera, è altrettanto vero che, con maggiori o minori fortune, hanno spesso cercato nel rapporto privato a due confronto e arricchimento.  In questa nostra esperienza d’arte, così come nella vita, le coppie talvolta si consolidano, tal altra hanno durata breve ed ogni sorta di compatibilità è possibile, tanto tra simili che tra opposti.

“Incontri e appropriazioni” è il progetto nel quale sono oggi impegnate sei coppie che, nel dare seguito a Dissolvenze Incrociate, recuperano le concettualità e l’esperienza di Sopraffactions offrendoci risultati complessi, talvolta di non immediata lettura, che sono la migliore rappresentazione della relazione di coppia in tutta la sua articolazione.

Alla dissolvenza originaria ciascuna coppia ne affianca una seconda e dà inoltre vita a dieci opere (cinque per ciascun artista), divenute poi oggetto di scambio e di successivi interventi sopraffattivi.

Consolidata la relazione ed affinate le sintonie ciascuna coppia di artisti ha interagito al proprio interno in modo progettuale affrontando, non senza talvolta trasgredire (come è proprio dell’arte) le regole assegnate, una tematica condivisa con un fare rivelatosi intriso di complicità e fortemente rispettoso delle libertà individuali.

Una preziosa, esaltante dimostrazione di civile convivenza all’insegna della libertà di pensiero e di espressione.

RomeVideoGameLab 2019 – selezione di 10 PMI del Lazio per applied games

A Cinecittà, dal 10 al 12 maggio 2019 RomeVideoGameLab non è solo un appuntamento di formazione e di gioco, per le imprese italiane e gli sviluppatori è anche una straordinaria occasione di incontrare potenziali committenti e finanziatori. Per questo RVGL destina un grande spazio agli incontri B2B tra sviluppatori e imprese che arrivano anche dall’estero insieme a istituzioni, musei ecc. interessati a valutare lo sviluppo del mondo videoludico e la validità delle sue offerte.

Quest’anno le 20 postazioni disponibili saranno assegnate secondo il seguente criterio:

  • ·n. 10 postazioni assegnate a società di sviluppo di videogiochi con sede legale e/o operativa in regioni diverse dalla Regione Lazio, seguendo la procedura che trovate per intero nel regolamento, entro e non oltre giovedì 18 aprile 2019;
  • ·n. 10 postazioni a società di sviluppo di videogiochi con sede legale e/o operativa nella Regione Lazio iscrivendosi al seguente link http://www.laziointernational.it/polls.asp?p=224, entro e non oltre giovedì 18 aprile 2019.

La Regione Lazio promuove la partecipazione all’iniziativa di 10 PMI del Lazio specializzate in applied games che saranno ospitate all’interno dell’area B2B applied games, attiva venerdì 10 dalle 14.00 alle 18.00 e sabato 11 dalle 10.00 alle 18.00 .

In caso di interesse a prendere parte all’iniziativa è necessario registrarsi e compilare online la domanda di partecipazione attraverso il link http://www.laziointernational.it/polls.asp?p=224, entro e non oltre giovedì 18 aprile 2019. Per informazioni  dettagliate:

http://www.laziointernational.it/news/romevideogamelab_2019_selezione_di_10_pmi_del_lazio_specializzate_in_applied_games_per_incontri_b2b-2562/

 

 

Rome Startup Week 2019

A Roma dall’8 al 12 aprile, al Prati Bus District in viale Angelico 52, la terza edizione dell’evento che è ormai un punto di riferimento per innovazione e venture business in Italia ed Europa in cui sono replicati i passaggi principali del percorso imprenditoriale per l’innovazione e il venture business, dalla fase dell’dea al go-to-market.

Cinque giorni disegnati per creare interazioni e opportunità tra diversi target di pubblico.

Scuola e formazione, innovazione sociale, riforme strutturali per l’ecosistema startup, internazionalizzazione, giovani talenti alla prova dell’avventura imprenditoriale: sono alcuni focus della Rome Startup Week 2019.

La Rome Startup Week è un grande evento ad ingresso gratuito, sostenuto da sponsor pubblici e privati, che si rivolge a pubblici differenti grazie a differenti tipologie di appuntamenti fra conferenze, workshop, masterclass, competizioni tra le startup.

Dietro a questo festival multiforme ci sono soprattutto obiettivi strutturali. Roma Startup intende infatti: valorizzare l’interconnessione tra scuole italiane e internazionali presenti sul territorio per promuovere progetti di formazione che guardino alle nuove dinamiche del lavoro; costruire una rete forte tra istituzioni accademiche e grandi imprese italiane o estere presenti in Italia; dialogare attivamente con le Istituzioni per pianificare una strategia condivisa di supporto alle imprese innovative e diffondere il modello di impresa delle startup. La Rome Startup Week in ultima istanza ha l’obiettivo stimolare le persone, i centri di formazione, le Istituzioni, i professionisti, promuovendo conoscenze e attitudini necessarie alla nuova cultura d’impresa.

Per il programma dettagliato: www.romestartupweek.com